Spaghetti allo scoglio

Spaghetti

Nel Libro di Ruggero pubblicato nel 1154, Al-Idrisi, geografo di Ruggero II di Sicilia, descrive Trabia, un paese a 30 km da Palermo, come una zona con molti mulini, dove si fabbricava una pasta a forma di fili leggermente arrotondati, chiamata ‘itrya’ (dall’arabo itryah che significa “focaccia fine tagliata a strisce”, queste ultime sono prodotte ancor oggi dalle massaie di Puglia e di Sicilia, e vengono chiamate con il termine dialettale trija), che veniva spedita con navi in abbondanti quantità per tutta l’area del Mediterraneo sia musulmano che cristiano, dando origine ad un commercio molto attivo, che dalla Sicilia si diffondeva soprattutto verso nord lungo la penisola italica e verso sud fino all’entroterra sahariano, dove era molto richiesto dai mercanti berberi. [4]

« …la famosa fettuccina secca derivataci dalla Sicilia araba, che si produceva nel sud Italia… »
(Anna Martellotti, I ricettari di Federico II pag.95″)

Nell’opera del poeta e commediografo napoletano Antonio Viviani, “Li maccheroni di Napoli”[5][6][7], pubblicata nel 1824, compare invece per la prima volta il termine spaghetti (inteso come diminutivo-vezzeggiativo della parola ”spago”), e vi sono illustrate le varie fasi della lavorazione. Le fonti letterarie anteriori, invece, utilizzano per descrivere lo stesso alimento, in alternativa rispetto a “spaghetti”, le parole ”vermicelli”, “maccheroni” o ”maccaroni”.

Oggi vi propongo gli spaghetti allo scoglio rossi

Ingredienti per 2 persone

200 gr di spaghetti

6 grossi gamberoni

200 di passata di pomodoro

olio extravergine di oliva q.b.

uno spicchio di aglio

prezzemolo q.b.

procedimento:

in una casseruola facciamo soffriggere olio con aglio e il  prezzemolo.

P1080324

Aggiungiamo i gamberoni già puliti e lavati e sfumiamo con 1/7 bicchiere di vino bianco

P1080326

quindi aggiungiamo la passata di pomodoro e 1/2 bicchiere di acqua, coprire e lasciare restringere.

P1080327

Portiamo a bollore dell’acqua per la cottura degli spaghetti. Una volta cotti uniamo al nostro sugo e mantechiamo, seraldovire caldo

P1080329

 

Precedente Risotto alla Verdi Successivo Savoiardo in crema senza latte, lievito, nichel

2 commenti su “Spaghetti allo scoglio

    • dolcecarla il said:

      E’ vero questo piatto è buonissimo adatto a tutte le occasioni, grazie sei gentilissima

I commenti sono chiusi.