marmellata di fragole

La fragola è nata in Francia ed ha origini molto antiche: la prima varietà coltivata risale agli inizi del Settecento. Questo frutto è caratterizzato da un intenso profumo e un sapore dolce. Ha un colore rosso intenso e presenta un peduncolo con un piccolo mazzetto di foglie; la superficie della fragola è ricoperta da numerosi puntini di colore giallo o marrone. Appartiene alla famiglia delle Rosacee e il genere comprende circa 12 specie di cui solo due crescono spontanee in Italia. La fragola predilige le zone temperate dell’emisfero settentrionale, le Ande e alcune isole dell’emisfero australe. Il suo nome scientifico è Fragraria e deriva dal vocabolo latino fragrans (fragrante), proprio in virtù dell’aroma intenso sprigionato dai suoi frutti, soprattutto quelli che crescono spontanei nei boschi. La fioritura può avvenire in diverse stagioni, secondo le specie e le varietà.

Quando ci si reca da un rivenditore per acquistare le fragole, occorre controllare innanzitutto che siano piuttosto dure, che il picciolo sia ben attaccato e che il colore rosso risulti uniforme e non troppo scuro: in quel caso la fragola è eccessivamente matura e va consumata al massimo entro 48 ore; diffidare, quindi, di quelle che presentano parti bianche o verdi, segno evidente, al contrario, che il frutto è ancora acerbo. Se invece si acquistano in vaschetta, fare attenzione agli esemplari ammaccati o ammuffiti. Le fragole sono facilmente deperibili ed è quindi opportuno conservarle in frigorifero, nello scomparto meno freddo, per 2-3 giorni al massimo, possibilmente su vassoi di cartone o lasciate nel cestino in cui sono state acquistare, in modo che circoli l’aria.

Oggi vi propongo la marmellata di fragole

2 kg di fragole

2 limoni

2 kg di zucchero

vasetti sterilizzati

puliamo le fragole tagliamole e lasciamole macerare, per una notte, con il succo dei due limoni.

mettiamo le fragole in una pentola con lo zucchero e cominciamo la cottura a fuoco lento

P1080348

quando si formerà la schiuma togliamole, giriamo la marmellata, per vedere quando la marmellata è pronta dobbiamo prendere un cucchiaino di marmellata e versiamolo in un piattino, incliniamo il piatto e se la marmellata risulta densa è pronta.

Quando è pronta versiamola ancora bollente nei vasetti,

P1080349

chiudiamoli bene e giriamoli a testa in giù sino al raffreddamento

P1080358

Precedente carciofi sottolio Successivo Viaggio in Baviera

2 commenti su “marmellata di fragole

I commenti sono chiusi.