Filetti di scorfano in gremolada

pangasio-mugnaia

Una variante della famosa mugnaia con un tocco in più, i filetti di scorfano in gremolada sono semplicissimi e rapidi da realizzare, molto saporiti e belli a vedersi. La gremolada è indispensabile per gli ossibuchi alla milanese, ed è talmente semplice e buna che ho pensato di abbinarla a un piatto di pesce. Il risultato è davvero eccellente.
– due filetti di scorfano ( o altro pesce bianco, se preferite un sapore più delicato)
– farina di semola qb
– mezzo bicchiere di vino bianco secco
– la buccia di un limone non trattato, possibilmente verdello
– un ciuffo di prezzemolo
– olio evo qb
Il procedimento è semplicissimo: infarinare i filetti con la semola, farli dorare nell’olio da entrambi i lati, aggiungere il vino e farlo sfumare fino a quando i filetti non saranno cotti,il tempo dipende naturalmente dallo spessore del filetto, ma il pesce si sa va cotto poco.
Nel frattempo preparare la gremolada, tritando finemente il prezzemolo e la buccia del limone. Se è “verdello”, cioè non troppo maturo darà un sapore più decuiso e un profumo più intenso. Una volta cotti i filetti aggiungere la gremolada, girarli in modo da insaporire entrambi i lati e finire con un filo d’olio a crudo.
Squisiti.

Precedente Una conserva freschissima e furba Successivo PASTELLA LIEVITATA per fritti asciutti croccanti e leggeri