Ravioli di castagne al forno

I Ravioli di castagne al forno è il dolcetto del periodo Natalizio che era solita fare mia mamma con l’aiuto di mia zia Vittoria per la fine dell’anno. Io ho ripreso questa tradizione facendoli per il giorno dell’Epifania e regalarlo come dolcetto della Befana. La pasta di rivestimento dei ravioli di castagne che faceva mia mamma, ricordo solo che mi diceva che era “impast ad brazadela” cioè impasto di ciambella, immagino un po’ più sodo. Per non sbagliare io ho fatto una pasta frolla profumata. Buona Befana a tutti!

ravioli di castagne al forno

Ingredienti per la frolla:

  • 300 gr di farina per dolci
  • 120 gr di burro
  • 100 gr di zucchero
  • 1 uovo
  • 1-2 cucchiaio/i di maraschino
  • 1,5 cucchiaini di lievito per dolci
  • 2 cucchiaini di aroma di limone

ripieno di castagne

per il ripieno: 1/2 dose ricetta vedi qui da conservare in frigo, se la si fa per tempo

Per la finitura: zucchero a velo

spolverizzare di zucchero a velo

Procedimento:

  1. Impastare insieme gli ingredienti per la frolla (nel Bimby 15 sec a vel 5; senza bimby in una ciotola o sulla spianatoia) velocemente solo per unirli
  2. mettere il panetto ottenuto in frigo a riposare, avvolto in pellicola trasparente per almeno mezz’ora
  3. prelevare dal frigo la frolla, prenderne un pezzetto, schiacciarlo sulla spianatoia infarinata, prima con le mani poi con il mattarello e tirare una sfoglia sottile di circa 3 mm

ripieno di castagne sulla sfoglia

Riprendere dal frigo il ripieno e posizionarlo a cucchiaini sulla striscia di frolla, a distanza regolare, quanti ce ne stanno sulla striscia

ripiegare la sfoglia sul ripieno

Piegare a metà la striscia di frolla per imprigionare il ripieno, pigiando per bene tutto attorno

ritagliare con uno stampino il raviolo

  1. Con un coppapasta tondo o uno stampino dentellato o con il tagliapasta a rondella, ritagliare i ravioli e posizionarli sulla placca del forno rivestita da carta forno.
  2. Cuocere in forno caldo a 180° per 20 minuti
  3. Sfornare e lasciarli raffreddare quindi spolverizzarli di zucchero a velo

Note: la pasta frolla ha la tendenza ad ammollarsi con il ripieno nel tempo e perdere la croccantezza. Suggerisco quindi di consumarli entro 1-2 giorni lasciandoli distesi su un vassoio.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente Torta di albumi al cocco Successivo Gnocchetti integrali agli spinaci

Grazie per essere passato a trovarmi. Siediti pure...faccio volentieri due chiacchiere

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.