Polpo con le patate

Era da tempo che insisteva con il polpo…Ale intendo…ma a me questo animale? pesce? aveva sempre fatto impressione con tutte quelle zampe…gambe? braccia? tentacoli! pieni di ventose. Insomma secondo il mio gusto è tutto fuorché attraente. Poi ho letto le qualità nutrizionali del polpo (magro, ipocalorico, saziante) ed improvvisamente zampe e ventose hanno perso il loro lato negativo! Poi l’ho trovato già pulito, cioè senza occhi o denti o artigli o qualunque altra cosa indesiderata e incommestibile faccia parte di questo essere, ed è stato un gioco da ragazzi….ed è pure buono!!!! Molto buono! La cottura me l’ha suggerita il pescivendolo…

polpo crudo Ingredienti:

  • 1 polpo da 1/2 kg
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • 1 cipolla
  • 500 gr di patate

per l’emulsione:

  • un ciuffetto di prezzemolo
  • 1 limone
  • 2 cucchiai di olio evo
  • pepe e sale

polpo e patate

Procedimento:

  1. lavare il polpo e metterlo in una pentola con acqua fredda, la carota, il sedano e la cipolla; portare ad ebollizione
  2. dal momento in cui si alza il bollore lasciar cuocere 40 minuti e spegnere il fuoco, lasciando raffreddare il polpo nella sua acqua
  3. nel frattempo cuocere le patate..io a vapore per circa 20 minuti e lasciarle raffreddare
  4. preparare l’emulsione tritando dapprima il prezzemolo ed unendolo al succo di limone miscelato con l’olio, sale e pepe; sbattere con una frusta e tenere da parte
  5. togliere il polpo dall’acqua e, se si preferisce, pelarlo (così mi ha detto il pescivendolo, in realtà ne è venuta via molto poca…solo quella staccata)
  6. tagliare il polpo a pezzetti e metterlo in una terrina; condire con l’emulsione
  7. aggiungere, a piacere, le patate al polpo mescolando o servirle a parte condite,a loro volta, con sale, prezzemolo e olio.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente Spaghetti di riso aglio, olio e peperoncino Successivo Testaroli semi-integrali al pesto di rucola e noci

Grazie per essere passato a trovarmi. Siediti pure...faccio volentieri due chiacchiere

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.