Liquore Amaretto

Il mio Liquore Amaretto è un vecchio liquore che faceva mia zia Giuseppina tanti, ma veramente tanti anni fa. Improvvisamente non lo fece più perché qualcuno le aveva detto che i semi di mela sono velenosi…anche se lungo la strada (e ne è stato bevuto tanto di questo suo liquore!) non ha mai seminato vittime! Mia cugina Rina, la figlia, purtroppo non ha conservato la ricetta scritta ma ugualmente ho voluto provare a rifarlo anche e soprattutto per ricordare quella grande cuoca che è stata mia zia, con affetto infinito. Il mio Amaretto (così lo chiamava lei perché ricorda l’amaretto di Saronno) è scuro e torbido perché lo sciroppo con cui l’ho fatto è di zucchero di canna integrale; per avere un risultato cristallino e molto chiaro basta sostituirlo con dello zucchero comune, semolato, bianco.

amaretto

A proposito della tossicità dei semi di mela leggendo qua e là ho trovato che, effettivamente i semi di mela, così come quelli di pesca e ciliegia, contengono l’amigdalina, una sostanza a base di cianuro e glucosio. La quantità però è davvero minima, solo 0,6 mg per ogni seme mentre la dose letale è di 50/90 mg. Ergo: bisogna ingerirne un centinaio tutti insieme per avere seri effetti sulla salute! Nel caso del Liquore Amaretto i semi sono stati eliminati e se anche fosse stato estratto con l’alcool la sostanza imputata, perché sia tossico bisognerebbe berne 1 bottiglia intera! Chi lo farebbe?

filtraggio

Ingredienti:

  • 1 litro di alcool
  • 100 gr di semi di mela
  • 500 gr di zucchero (di canna integrale)
  • 1500 ml di acqua

Procedimento:

  1. Mettere i semi di mela in un contenitore di vetro
  2. aggiungere l’alcool, mescolare, chiudere con un coperchio e mettere a macerare per 45 giorni
  3. Mescolare ogni 2.3 giorni
  4. Trascorso il tempo indicato filtrare i semi con un colino e mettere da parte l’alcool aromatizzato
  5. rimettere i semi in un contenitore di vetro, aggiungervi l’acqua e lo zucchero, mescolare e lasciar sciogliere lo zucchero per un giorno, mescolando di tanto in tanto.

filtraggio1

  1. Trascorso il tempo, quando lo zucchero sarà sciolto riprendere l’alcool messo da parte e aggiungerlo nel vaso con la soluzione di semi e zucchero.
  2. Mescolare e lasciar riposare ancora 1 giorno prima di imbottigliare. Risulterà un liquido piuttosto torbido (vedi foto sotto), marroncino.

amaretto

  1. Imbottigliare il liquore amaretto filtrando il liquido con un colino e con carta da filtraggio (tipo quella per il caffè).
  2. Lasciar riposare il Liquore Amaretto ancora un mese affinchè l’eventuale corpuscolo disciolto depositi sul fondo. Risulterà un liquore limpido, bruno-ambrato, che profuma di mandorla. Gradazione alcoolica: circa 33°

amaretto1

  1. Mettere la bottiglia in frigo per servire il liquore freddo (è migliore). Non agitare la bottiglia.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente Torta Buonissimo Me Successivo Zucchine alla crema cotta di ricotta

Grazie per essere passato a trovarmi. Siediti pure...faccio volentieri due chiacchiere

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.