Erbazzino Campestre

L’ Erbazzino Campestre è la versione rustica e campagnola dell’Erbazzone classico. Dalle mie parti, si riconosce l’arrivo della primavera perché è un fiorire di “sederi” ; li vedi in campagna, tra i prati, sugli argini dei fiumi dove erbe fresche di ogni genere tingono il mondo di quel bel verde chiaro. Cosa c’entrano i sederi? Sono la parte visibile (anche se coperta) degli appassionati ed estimatori di erbe che, muniti di sportina e coltellino, vanno alla ricerca del radicchio selvatico o tarassaco, appena spuntato e con le foglioline tenere, da cogliere prima che inizi la fioritura e renda dure e inappetibili le sue foglie. Inconfondibili ricercatori a testa in giù e sedere in su, appunto! A me non è mai piaciuto particolarmente il radicchio verde perché non amo la nota amara che lascia, ma mio fratello, che ne ha raccolto un “bastimento”, me ne ha regalato un sacchetto pieno. Debitamente pulito dei corpi estranei mobili (ragnetti, insettini)  ed immobili (erba non mangiabile, terriccio e foglie secche) ed accuratamente lavato ne è risultato un mezzo kilo abbondante. Cosa farne? Questa la proposta che mi ha lanciato Monica, mia amica di salubri camminate serali.

erbazzino a fette1

Ingredienti per la pasta:

  • 100 gr di farina integrale
  • 200 gr di farina 00
  • 50 gr di olio evo
  • 90 gr di latte
  • 50 gr di acqua
  • 1/2 cucchiaino di sale

Per il ripieno:

  • 400 gr di radicchio tarassaco pulito
  • 100 gr di pancetta pepata
  • 1 scalogno
  • 100 gr di stracchino
  • 1 uovo
  • 1 patata media lessa (o avanzi di purè)
  • 2 cucchiai di parmigiano
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • olio evo
  • sale e pepe

Procedimento:

  radicchio cotto1erbazzino crudo erbazzino cotto

  1. Preparare la pasta: impastare i liquidi con le farine e il sale in una terrina fino ad ottenere un impasto elastico e morbido. (nel Bimby impastare tutti gli ingredienti 2 min a vel spiga)
  2. lasciar riposare l’impasto coperto o avvolto da pellicola
  3. preparare il ripieno: tagliare il radicchio a pezzetti dopo averlo pulito e lavato per bene
  4. lessarlo in acqua salata per circa 20 minuti quindi scolarlo e lasciarlo raffreddare
  5. appassire lo scalogno tritato in un goccio d’olio a fuoco dolce e rosolarvi dentro la pancetta tagliata a quadratini piccoli
  6. aggiungervi il radicchio scolato e strizzato per una decina di minuti quindi spegnere e lasciar raffreddare
  7. riprendere il radicchio con la pancetta e macinare finemente (nel Bimby pochi sec a vel 7-8, spatolare quindi altri sec a vel 8) con un tritatutto o il minipimer
  8. unire il resto degli ingredienti (lo stracchino, il parmigiano, l’uovo, il pangrattato e la patata o il purè) amalgamandoli un po’ alla volta facendoli ben assorbire (nel Bimby pochi sec a vel 5 per ogni ingrediente). Regolare di sale e pepare. Si otterrà un composto molto molle
  9. Dividere l’impasto in 2 parti uguali (di circa 260 gr cadauno) e tirarli in una sfoglia di circa 30×30 cm
  10. la prima sfoglia metterla su una teglia da forno rivestita di carta forno; stendere il ripieno sulla superficie della prima sfoglia lasciando fuori 2 cm di bordo
  11. coprire con la seconda sfoglia ribaltando i bordi della prima su quelli della seconda per chiudere ed unire le due sfoglie
  12. bucherellare la seconda sfoglia con una forchetta e ungerne la superficie con olio evo
  13. cuocere in forno caldo a 200° per 30 minuti
  14. lasciar raffreddare prima di tagliare e servire

erbazzino all'interno

erbazzone campestre

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente Lenticchie: cottura, uso e conservazione Successivo Ciambella al cacao senza glutine e senza lattosio

Grazie per essere passato a trovarmi. Siediti pure...faccio volentieri due chiacchiere

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.