Cappelletti di riciclo

I cappelletti di riciclo sono una valida idea per recuperare carne cotta che nessuno ha più voglia di affrontare diversamente! I cappelletti di riciclo erano un must per mia mamma che mi imbrogliava riuscendo a farmi mangiare carne che io non avrei mai nemmeno guardato. I cappelletti altro non sono che i tortellini di carne, ottimo primo delle feste che di solito si fa in brodo. I cappelletti sono di pezzatura piccola, a differenza dei cappellacci o tortelloni che hanno delle dimensioni a volte improponibili. Mia mamma diceva che per far buoni i cappelletti, ciò che faceva la differenza era il mix di carni: più qualità di carne venivano mescolate assieme, più venivano buoni! Lei rosolava insieme pezzi di pollo, manzo e maiale, almeno una salsiccia; poi aggiungeva il formaggio, un buon parmigiano, e del prosciutto crudo. Insomma era impossibile che venisse un “batù” cioè un ripieno, cattivo! Nel tempo, però, ho visto che ciò che rende un piatto “appetibile” sono i profumi con cui viene trattato: le spezie e gli aromi fanno davvero la differenza!

cappelletti di riciclo

Ingredienti:

  • sfoglia (sg) fatta con 3 uova

per il ripieno:

  • avanzi di carne cotta qualsiasi (circa 300 gr)
  • avanzi di patate lesse condite (facoltative)
  • circa 100 gr mortadella (di buona qualità)
  • 1/2 noce moscata
  • 2 cucchiai di parmigiano
  • sale

Per la cottura e condimento:

  • brodo di carne o vegetale
  • panna (la mia senza lattosio)
  • parmigiano

Procedimento:

tortellini

  1. macinare la carne (io utilizzo il vecchio macinacarne manuale di mia mamma che non “sfibra” la carne)
  2. macinare la mortadella e le patate unendole alla carne
  3. mescolare aggiungendo il parmigiano, la noce moscata e regolando di sale. Si deve ottenere un composto umido ma non bagnato; eventualmente per regolarne la consistenza si può aggiungere pangrattato nel caso fosse troppo bagnato o brodo (anche vegetale) fosse troppo asciutto
  4. Tirare la sfoglia sottilmente ritagliandola in quadretti piccoli al massimo di 3×3 cm
  5. riempire il centro di ogni quadretto con una pallina di ripieno e chiuderli a tortellino, lavorando in punta di dita (perché sono piccoli). Se si utilizza la sfoglia senza glutine vi rimando qui per consigli.
  6. cuocere i cappelletti confezionati in brodo bollente (anche vegetale) e, a piacimento, condirli semplicemnte con panna e parmigiano o con un burro al tartufo e parmigiano.

tortellini di riciclo alla panna

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente Hamburger vegetali Successivo Lenticchie: cottura, uso e conservazione

Grazie per essere passato a trovarmi. Siediti pure...faccio volentieri due chiacchiere

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.