PANE DI FARRO

pane di farro è la ricetta che vi presento oggi…e sì, perchè nonostante il gran caldo, continuo a sfornare pane, anche se con meno frequenza rispetto all’inverno.

Ho provato diversi tipi di pane e chi segue il mio blog ne ha trovati in giro per il blog..il pane cafone, il pane dei ricordi, il pane con lievito madre, tutti ottimi, per carità, ma davvero complicati a volte.

C’era chi mi diceva che doveva lievitare ore e ore..chi si raccomandare di fare pieghe su pieghe, ma questa volta ho seguito l’istinto e soprattutto la velocità e praticità, perchè poi alla fine, noi casalinghe è quello che cerchiamo..e sarà stata fortuna? complice il caldo? beh non sono servite giornate di lievitazione e nemmeno una piega e il risultato ottenuto è stato ottimo.

Il pane di farro è venuto con una bella crosta croccante e una mollica tutta buchi..e per me è stata una grande soddisfazione.

L’acqua indicata nella ricetta è approssimativa perchè molto spesso mi regolo toccando l’impasto e soprattutto perchè non tutte le farine richiedono la stessa quantità di acqua per cui il mio consiglio è quello di metterne poca alla volta per poterne aggiungere o diminuire in caso di necessità.

Ti piacciono le mie ricette, vieni a trovarmi su fbtwitterpinterestGoogle+

pane di farro, ricetta del pane fatto in casa, pane con poco lievito, pane facile, pane veloce, pane semplice

Pane di farro

Ingredienti:

600 g. di farina di farro (questa volta ho usato il farro bianco, ma non indicando quantità di acqua precisa, potete utilizzare anche una farina integrale)

350-380 ml. di acqua

10 g. di sale

2 g. di lievito di birra secco

Preparazione:

ho impastato con l’impastatrice e gancio a spirale..velocità 3/4.

Inserite la farina nell’impastatrice, quindi aggiungete il lievito; azionate l’impastatrice e cominciate a versare metà dell’acqua..piano piano.

A questo punto aggiungete il sale e continuate a versare l’acqua fino a che l’impasto si stacca dalle pareti. Dovrete ottenere un impasto liscio, morbido al tatto ma non troppo appiccicoso.

Mi raccomando di versare l’acqua pian piano per permettere all’impasto di assorbirla bene e a voi di regolarvi al tocco.

Se l’impasto è troppo duro e notate che c’è ancora farina sulle pareti della ciotola, versate a filo un altro po’ di acqua.

Se avete per sbaglio aggiunto troppa acqua, non disperate; innanzitutto continuate a impastare per vedere se l’impasto incordandosi riesce ad assorbire quell’acqua. Se invece è davvero tanta in più, aggiungete un po’ per volta altra farina.

Ora che avete ottenuto il vostro impasto per il pane di farro, ponetelo in una ciotola con coperchio infarinata e chiusa e lasciate lievitare fino al raddoppio (con questo caldo ci vorranno al max 3 ore).

Riprendete l’impasto e ponetelo su una spianatoia infarinata, quindi con le mani molto delicatamente allargate i lati creando un rettangolo.

Quindi cominciate ad arrotolare dalla parte più corta del rettangolo per ottenere un filoncino che metterete sulla leccarda del forno, coperta da carta forno.

Accendete il forno a 250°, infornate sul terzo ripiano e abbassate la temperatura a 200°.

Io ho un forno ventilato, quindi ci vorrà circa mezz’ora per ottenere la cottura interna del pane.

A questo punto alzate nuovamente la temperatura a 250° e fate cuocere il pane di farro per altri 10 minuti circa

 

Precedente CIAMBELLA ALLO YOGURT E LAMPONI Successivo TAGLIATELLE ALLA PESCATORA

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.