DOLCE DI PADRE PIO

Il dolce di Padre Pio, lo conoscete?

Questo è un dolce che si fa per devozione, o per chiedere una grazia a Padre Pio.

Ebbene si, anche nella cucina esistono le così dette “catene”, ma al di là del proprio credo, della devozione o meno per il Santo, questo dolce è davvero sorprendente, in quanto la preparazione del dolce avviene in 10 giorni, non va conservato in frigo e nonostante tutto, non va a male, non ha un odore sgradevole, anzi, si otterrà un dolce soffice e davvero gustoso.

Il dolce di Padre Pio è chiamato anche dolce dell’amicizia e quando si arriva a un certo punto della preparazione, un bicchiere di questo dolce dovrà essere donato a tre persone a cui ci teniamo davvero.

Per la preparazione di questo dolce bisognerà però rispettare delle regole:

1.La preparazione deve cominciare sempre di domenica
2.Il composto che si ottiene ogni volta, deve essere conservato a temperatura ambiente e mai in frigo
3.Il materiale da usare (ciotola, bicchiere) deve essere di vetro o ceramica
4.si possono usare solo cucchiai di legno e mai di acciaio e il composto va lavorato a mano
5. il dolce può essere preparato da una sola persona e non va toccato con le mani

Ti piacciono le mie ricette, vieni a trovarmi su fbtwitterpinterestGoogle+

dolce di padre pio

Dolce di Padre Pio

Ingredienti:

4 bicchieri farina

3 bicchieri zucchero

1 bicchiere latte

1 bicchiere olio di semi

1 noce

2 pizzichi cannella

150g. uvetta

1 mela

2 uova

2 bustine vanillina

1 bustina lievito per dolci

1 pizzico sale

zucchero a velo per decorare

Preparazione:

1° GIORNO DOMENICA

mettete nella ciotola 1 bicchiere di farina e 1 di zucchero. Non mescolate, ma coprite con un canovaccio e lasciate fuori dal frigo.

2° GIORNO

mescolate con un cucchiaio di legno coprite con canovaccio e lasciate fuori dal frigo

3° e 4° GIORNO

non toccate

5° GIORNO

aggiungete 1 bicchiere di farina, 1 di zucchero e 1 di latte ma non mescolate, coprite e lasciate fuori dal frigo

6° GIORNO

mescolate con un cucchiaio di legno, coprite e lasciate fuori dal frigo

7° 8° e 9° GIORNO

non toccate

10° GIORNO

mescolate, quindi togliete 3 bicchieri di composto e donatelo. All’impasto che rimane, aggiungete 2 bicchieri di farina, 1 di zucchero, 1 di olio di semi, 1 noce sbriciolata, la cannella, l’uvetta lasciata a mollo per una decina di  minuti in acqua calda, la mela sbucciata e tagliata a pezzetti, le uova, la vanillina, il lievito e il sale. Mescolate, esprimente tre desideri di grazia rivolti alle persone care quindi infornate a 180° per 40 minuti rivolgendo una preghiera al santo. Sfornate e quando sarà freddo, spolverizzate di zucchero a velo.

 

 

Precedente GATEAU DI PATATE Successivo PANZEROTTI AL FORNO

Lascia un commento

*