ARANCINI MARCHIGIANI DI CARNEVALE

Oggi vi presento gli arancini marchigiani di carnevale, una ricetta che ho trovato tra le varie riviste dalle quali ormai sono sommersa!!!

Quando pensiamo agli arancini ci vengono in mente quelle deliziose polpette di riso siciliane ripiene, ma la versione marchigiana è dolce, quindi totalmente differente.

Si tratta di una pasta lievitata, in cui viene aggiunta una farcia composta da zucchero e scorza di arancia grattugiata; quindi dei dolci molto profumati che all’aspetto somigliano molto ai cinnamon rolls.

Solitamente questi arancini marchigiani vengono fritti, la mia versione invece è più leggera, in quanto prevede una cottura in forno.

Ti piacciono le mie ricette, vieni a trovarmi su fbtwitterpinterestGoogle+

arancini marchigiani ricette dolci di carnevale, ricette per carnevale, dolci per carnevale

Arancini marchigiani di carnevale

Ingredienti:

600 g. farina 00

260 g. zucchero

2 uova

250 ml latte

50 g. burro

25 g. lievito di birra fresco

3 arance

Preparazione:

mescolate 200 g. di zucchero con la scorza grattugiata delle tre arance.

In un pentolino intiepidire il latte e scioglietevi il lievito.

A questo punto potete lavorare con l’impastatrice oppure a mano.

Mettete sulla spianatoia la farina a fontana e aggiungete 60 g. di zucchero, le uova, il latte mescolato al lievito e il burro morbido.

Impastate tutto fino ad ottenere un composto omogeneo, formate una palla e mettetela in un recipiente infarinato a lievitare per circa 2 ore coprendo con un canovaccio.

Stendete la pasta in una forma rettangolare di circa 1/2 cm di spessore.

Distribuite il mix di zucchero e scorza di arancia grattugiata che avete messo da parte.

Arrotolate la pasta su se stessa, avendo cura di creare un rotolo molto stretto.

Tagliare il rotolo a fettine di circa 1 cm, lasciate riposare 30 minuti.

Infornate gli arancini marchigiani a 175° per 15 minuti.

 

 

Precedente CREMA DI NOCCIOLE SENZA LATTE Successivo FOCACCIA CON ZUCCHINE E MOZZARELLA

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.