Pastina Integrale e verdure

Pastina integrale e verdure una ricetta light! Si questa pastina me l’ha regalata mia figlia di 8 anni. GRANDE AMORE MIO! Sai quando sei a dieta e che quelle poche volte che puoi concederti i carboidrati il peso concesso è talmente irrisorio che fai la pasta e la mangi in un attimo? Beh, questa pastina fa un volume pazzesco e ti sembra di mangiarne mooolto di più. Ne consiglio vivamente l’acquisto!
Ingredienti per 2 persone
  • 1/2 cipolla
  • 1 carota
  • 1-2 gambi di sedano
  • 2 zucchine
  • 120 gr di pastina integrale
  • 2 cucchiaini di parmigiano
  • olio
  • sale
  • pepe e/o peperoncino
Procedimento
Mettere in un tegame antiaderente, di quelli che permettono la cottura con pochissimo olio, la cipolla tagliata a strisce e un filo di olio.
Iniziare a far andare coperto e unire i gambi di sedano , tagliati a rondelle e la carota, grattugiata con la grattugia a maglie larghe.
Far appassire bene. Poi unire le zucchine, sempre tagliate con la grattugia a maglie larghe. Questo perchè il volume delle verdure in questo modo aumenta e sembrerà di mangiare tantissimo! (Le so tutte!). Salare, coprire e portare a cottura. Io ovviamente cucino con pochissimo o zero olio, quindi per evitare che si attacchi tutto allungo con acqua. Chi legge la ricetta può far come vuole. Ovviamente se si mette solo olio e si fa il soffritto con gli odori il tutto è molto più saporito… ma meno light!
Cuocere la pastina in acqua salata, non al dente (sempre perchè il volume è maggiore) e farla saltare, una volta scolata, nelle verdure.
Vi verrà un piatto fantastico e voluminoso con soli 60 gr di pasta a testa. Io poi ho spolverato ogni piatto con un cucchiaino di parmigiano, del pepe e anche del peperoncino, perchè lo ADORO!… e perchè concesso. Ma se non vi piace non lo mettete, ovvio!
La Dieta?
Questo piatto è perfetto sia per la mia dieta fitness che per qualsiasi altra dieta a basso contenuto calorico. Ovvio che a seconda del tipo di dieta andranno messe le giuste quantità di olio, sale e pasta.
www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   
Precedente Crostata al cioccolato di Ernst Knam Successivo Risotto di cavolfiore viola