Lenticchie in umido

 
Le lenticchie in umido ..lo so non si postano questi tipi di piatti in primavera, nè vicino al w-e… dove tutti hanno voglia di schifezze… lo so è quanto di più sconsigliato per ottenere like e visibilità…. ma si è capito che io posto quello che mangio e con i miei tempi e in questo periodo mi è presa la fissa delle lenticchie! Sono un piatto delizioso, che usualmente facevo nel periodo delle feste natalizie. La tradizione e la ciclicità della cucina di mia nonna mi ha sempre condizionato nel mangiare determinate pietanze solo in determinati periodi dell’anno, ma poi con la mia Dieta Fitness sono diventate un piatto che spesso è in tavola a casa mia. Piene di fibre, proteine, a basso contenuto di grassi e… piacciono a tutti.
  
Ingredienti
  • 350 gr di lenticchie
  • 150 gr di passata di pomodoro (io uso Mutti o quella di casa mia)
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro (io uso doppio concentrato Mutti)
  • 1 carota
  • 1-2 gambi di sedano
  • 1 cipolla
  • prezzemolo
  • sale
 Preparazione
 
Mettere le lenticchie in acqua fredda per almeno 12 ore, poi sciacquarle bene. Io le metto la mattina appena sveglia, prima di andare al lavoro, così la sera posso subito cucinarle. Ovviamente potete metterle pure la sera prima.. se stanno pure 24 ore in acqua non succede nulla!
 
Mettere in una pentola cipolla, sedano, carota, tagliati a dadini e qualche ciuffo di prezzemolo. A me piacciono gli odori tagliati grossini… che si vedano, ma se volete potete tagliarli più piccoli. Aggiungere le lenticchie ben scolate, poi aggiungere acqua, 1-2 cm sopra le lenticchie, a seconda se la pentola è più larga o più alta. Unire il pomodoro, salare, coprire e lasciar cuocere per 45-50 minuti. Togliere il coperchio e lasciar asciugare a piacimento. Io le lascio morbidine.  
 
Versione meno light: mettere in una pentola olio e un pò di cipolla, far rosolare poi unire, un pò di sedano, carota, tagliati a dadini e qualche ciuffo di prezzemolo. Salare. Ripassarci le lenticchie aggiungendo un pò di concentrato di pomodoro. 
 
 Buone in entrambe le versioni!
 
   Invia l'articolo in formato PDF   
Precedente Frittata con i porri Successivo Spaghetti all' amatriciana