Gnocchi porri e pancetta in fonduta di parmigiano

Gnocchi pancetta e porri

Gnocchi porri e pancetta in fonduta di parmigiano… si.. vero… sono stata molto assente! La realtà è che ne invento sempre di nuove e il tempo di cucinare… scrivere nel blog più che altro… cucinare cucino… di corsa, ma tutti i giorni… ovvio… chi non lo fa?! Comunque… questo primo è velocissimo da preparare… come molti dei miei piatti del resto, ma per chi ha fretta è perfetto, così rimane il tempo di fare altro.  Piatto di sostanza e completo direi, ma soprattutto piacevole da vedere (almeno agli occhi miei e dei miei familiari) e da mangiare… ci è veramente piaciuto!

Ingredienti 

  • 500 gr di gnocchi
  • 3-4 porri (io ho quelli di mio babbo che sono piccoli)
  • 125 gr di pancetta non affumicata
  • burro
  • olio
  • sale
  • pepe
  • 200 gr di parmigiano o 100 gr
  • 200 gr di latte o 100 gr

Procedimento

Mettere in un padellino i porri con un pò di burro, salare e far andare coperti. Aggiungere dell’acqua se necessario. Una volta appassiti, dopo 5-10 minuti, appoggiare su di un piatto e aggiungere al fondo un pò di olio e  la pancetta. Io pepo sempre la pancetta se non è ‘peposissima’, perchè mi piace di più. Una volta rosolata bene aggiungere i porri e allungare con un goccio di latte o di acqua di cottura degli gnocchi, giusto per rendere la salsina più densa e far si che meglio si attacchi agli gnocchi.

Cuocere gli gnocchi, scolarli al dente  e farli saltare nel sughino di porri e pancetta. A parte io volevo fare una pseudo fonduta di parmigiano mettendo stesso quantitativo di latte e parmigiano: far sciogliere in un pentolino il parmigiano nel latte e frullare con il minipimer. Perchè volevo? Perchè avevo poco parmigiano e dunque è risultata un pò liquida, come si vede dalla foto… buonissima comunque.

Mettere nel piatto prima il letto di fonduta e poi gli gnocchi ben conditi. Spolverare con dell’altro parmigiano e un pò di pepe, se gradite.

La Dieta?

Direi che ho imparato che ogni piatto può essere reso più leggero, molta differenza per le calorie di un piatto, la fanno i quantitativi mangiati e la scelta degli ingredienti. Esempio per rendere questo piatto più leggero è necessario ridurre quantitativi di burro e olio, magari cuocendo i porri in acqua, scegliere la pancetta magra o sostituire la pancetta addirittura con dello speck o del crudo o della bresaola senza grassi, scegliere latte scremato e non esagerare con la salsina di parmigiano.

IMG_1856

   Invia l'articolo in formato PDF   
Precedente Cavolo nero in Toscana Successivo Pizzette di sfoglia chiuse