Acquacotta perfetta

L’Acquacotta è un piatto povero Toscano, con base fatta di pane e acqua appunto. Nel tempo e girando di paese in paese, si è arricchita e trasformata, grazie ad altri ingredienti caratteristici  del posto dove veniva fatta. Per questo motivo non si trova (io per lo meno non l’ho mai vista!) una sola ricetta di Acquacotta. Per la toscanità in Italia poi è più probabile trovare ricette di Zuppe di Pane, con ingredienti ufficializzati e chiari a tutti. Per capirsi un esempio per tutti la ‘Ribollita’ . Io adoro la tradizione della cucina Toscana e qui ho messo 2 ricette storiche ufficiali di Acquacotta: quella ‘aretina’, arricchita con i porcini, abbondanti in queste zone e quella ‘casentinese’, con pomodoro e salsiccia. Entrambe deliziose, apprezzatissime dai commensali, semplici da fare e particolarissime. Adesso propongo la versione mix delle due, fatta da me, che ha riscontrato il successo maggiore (mia suocera ma la già fatta fare 3 volte  da Pasqua ad oggi…è passato 1 mese?)

Acquacotta perfetta

 

Ingredienti per 10-12 persone

  • Per  ‘acquacotta casentinese’
  • 1/2 kg di cipolla
  • 1/2 kg di pomodoro
  • 3 salsicce
  • pecorino toscano
  • brodo e olio
  • Per ‘acquacotta aretina’
  • 400 gr di porcini
  • 60 gr di pomodoro a commensale
  • 8-10 mestoli di acqua o di brodo
  • aglio e olio
  • circa 1/2 kg di pane raffermo tagliato a fette sottili

 Procedimento

Tagliare le cipolle e cuocerle in un tegame alto con olio, facendole appassire molto bene. Unire il pomodoro e continuare a cuocere. Far amalgamare il tutto. Tagliare la salsiccia a pezzettini e cuocerli separatamente, di modo che scolino tutto il grasso. Unire alle cipolle e coprire di brodo in abbondanza. Lasciar cuocere per 20-30 minuti. Nel frattempo far l’altra acquacotta: rosolare l’aglio nell’olio e aggiungerci i porcini tagliati a pezzetti, della misura desiderata. Cuocere bene e poi aggiungere i pomodori tagliati a quadratini. Salare e far appassire il pomodoro. Unire i mestoli di acqua o di brodo e lasciar cuocere per altri 20-30 minuti. In una o due teglie da forno stendere nel fondo sottilissime fette di pane toscano raffermo, coprire con i due composti di acquacotta e cospargere di pecorino grattugiato. Fare così 2 strati, deve esserci molto brodo,  infornare a 180° per 15-20 minuti o a seconda di quanto si vuole gratinato.Acquacotta CasentineseAcquacotta aretina

 

 

 

 

 

 La Dieta?

Da quando ho il BLOG su GZ non mi vien voglia di postare ricette dietetiche!

   Invia l'articolo in formato PDF   
Precedente Torta salata pancetta e cavoletti di Bruxelles Successivo Wuberoni di Asia

4 commenti su “Acquacotta perfetta

  1. anna il said:

    Visto che ti piace , ti lascio anche la versione di casa mia.
    Alle cipolle tagliate sottili e stufate in padella con l’olio, aggiungi un po’ di bietole o spinaci tagliati a strisce sottili e poca passata di pomodoro, serve solo a dare sapore, non deve essere un piatto colorato… sale e pepe quanto ti piace.
    quando le verdure sono cotte e i sapori amalgamati precedi a fare gli strati di pane, pecorino ma anche il grana va bene e le verdure.
    a questo punto prima che il tutto si raffreddi hai due scelte, o rompi un uovo a commensale sull’ultimo strato di verdure e copri immediatamente in modo che il calore delle verdure cuocia l’albume oppure sbatti le uova le distribuisci sul piatto e aspetti che il calore faccia il suo dovere.
    copri senza mettere in forno e aspetta che il pane abbia assorbito i liquidi….
    l’acquacotta più sta ferma più buona è…..buon appetito

    • cucinomasareiadieta il said:

      Grazie milleee, gentilissima. Proverò la tua ricetta la prossima volta che mi chiama la mia carissima suocera Renatina!;)

I commenti sono chiusi.