Pizza

Eccola la mia mitica pizza. Perchè mitica? Io sono dipendente da pizza, potrei mangairla a colazione, pranzo e cena… pure per più giorni! Ho sperimentato tante ricette, con il latte, con la birra… e modi di farla e sono giunta a questa ricetta che risulta essere leggera leggera, perfetta coincidenza tra la mia estrema voglia di pizza e la mia necessità di sentirmi comunque sempre a dieta… almeno idealmente!

Ingredientipizza

  • 300 gr di acqua tiepida
  • 600gr di farina
  • 20 gr di olio
  • un cucchiaino di zucchero
  • un cucchiaino di sale
  • 7 gr di lievito di birra in grani
  • 400 gr di passata di pomodoro, non liquidissima
  • olio, origano, sale
  • 3 mozzarelle
  • ciò che si vuole da metter sopra

pizza
Procedimento
Io faccio spesso l’impasto nella macchina del pane, mettendo sotto i liquidi, con il sale e sopra la farina con il lievito e lo zucchero. Impasto che dura 1 ora e mezza. Se fatta a mano mettere lo zucchero nel lievito e nell’acqua tiepida (MAI bollente) e aspettare: è bello vedere la reazione chimica del lievito! Si dice che lo zucchero ‘alimenta il lievito’, ovvero ne aumenta le proprietà lievitanti.. Impastare tutto unendo gli ingredienti  e per ultimo il sale. La farina impastando a mano ne occorrerà sicuramente di più. Il sale abbatte il lievito, per cui mai a contatto! Impastare molto bene e formare una palla da chiudere in una insalatiera di vetro, bella capiente, sigillando con della carta traparente. Lasciar lievitare per 1 ora , 1 ora e mezza o meglio, fino a che il volume non raddoppia. Si dice così sempre, perchè la reazione del lievito dipende dall’umidità dell’aria, per questo è bene scegliere un posto caldino per la nostra pasta! Preparare le teglie mettendo sopra un goccio di olio. Versarci sopra la pasta cercando di toccarla il meno possibile per stenderla. Più si tocca più si abbatte il lievito, se il lievito rinizia a fare il suo lavoro la pasta inizia ad avere un effetto elastico. Lasciare a lievitare in teglia per un’altra ora dentro il forno spento (se l’aria è molto umida si può aiutare la pasta accendendo il forno a 20°, mai sopra i 25° che cuoce, oppure imbustando le teglie con le buste della spesa di plastica ad esempio… le so tutte!). Nel frattempo preparare il pomodoro, con olio, sale e origano. Prendere le teglie e versarci sopra il pomodoro stendendolo con le dita, perchè il cucchiaio schiaccia la pasta lievitata e ne abbatte la morbidezza. Infornare a 230°, in forno già caldo (ricordo: scaldare al max il forno e abbassare a 230° una volta infornate le pizze, perchè il forno perde 20° con l’apertura!). Dopo 10 minuti aggiungere mozzarella tagliata a pezzettini e tutti i condimenti del caso.  Cuocere  per altri 10 minuti indicativamente… dipende dal forno, dai condimenti, dal numero di pizze dentro il forno…insomma poi lo vedete! La riuscita deve essere perfetta, ovvero morbida sopra ma croccante sotto, se non è così scrivetemi nella mail accanto!pizza

La Dieta?
Io la pizza nella sana e pure dimagrante dieta mediterranea è la prima cosa di cui controllo il quantitativo concesso per il periodo dieta, perchè a dieta SI, ma senza pizza NO! In regime dieta la faccio senza olio e mettendo in teglia la carta da forno con della farina eventualmente. Il condimento? No mozzarella o comunque poca e verdure fresche, solitamente pomodori tagliati a fette con origano, come la foto accanto.

Pure questa volta le foto non sono il top, ma le ho scelte in base alle cuoche: la prima in alto pizza fatta da Asia, 7 anni, quella piccola Eva, 3, e questa accanto con i pomodori io. 

   Invia l'articolo in formato PDF   
Precedente Hamburgher e hot-dog per tutti! Successivo Salsa Ganache