torta di padre pio alla frutta

torta di Padre Pio alla frutta

La torta di Padre Pio alla frutta  è un dolce antico , o chiamato torta dell’amicizia .La torta di Padre Pio  ha una preparazione lunga ( 10 giorni) , diciamo che è una sorta di lievito madre a cui poi si aggiungeranno altri ingredienti per valorizzare e rinfrescare la torta. Questo bicchiere d’ impasto mi è stato donato da una mia collega tempo fa con il foglio della spiegazioni sul procedimento da seguire giorno per giorno. Lo so che puo’ sembrare la “classica catena di Sant’Antonio” ma per me non è cosi, infatti dal precedente impasto ho tolto i 3 bicchieri ( che in genere si donano a 3 persone diverse ) e ho messo nel freezer , in maniera da avere sempre pronto all’accorenza “lo starter” da cui partire. La torta di Padre Pio alla frutta  è buona , soffice , profumata e nonostante alcuni storcono il naso perchè si realizza lasciando tutto l’impasto fuori frigo per 10 giorni vi posso assicurare che invece ha un sapore ottimo. Quindi al di là del proprio credo o altro si puo’ fare questa torta  senza che venga donato il bicchiere d’impasto quindi partendo da zero. Qui di seguito vi metterò le spiegazioni per iniziare con il bicchiere d’impasto ricevuto e da zero per chi non ha il bicchiere d’impasto della torta di partenza

ci sono solo alcuni piccoli accorgimenti da rispettare :

1. Si inizia sempre di domenica;
2. Il composto non va tenuto in frigo;
3. Per la lavorazione utilizzare una terrina in vetro o in porcellana;
4. Non si devono usare frullini o sbattitori elettrici;
5. Sono banditi gli utensili d’acciaio, ma si utilizza un cucchiaio di legno.
6. Deve essere preparata da una sola persona.
7. Non si può toccare con le mani.
Il proprio bicchiere si può conservare in congelatore per futuri utilizzi.

 

PROCEDIMENTO CON IL BICCHIERE D’IMPASTO RICEVUTO

1 DOMENICA: Versare il contenuto del bicchiere che avete ricevuto in una terrina, aggiungere un bicchiere di farina e uno di zucchero, non mescolate. Coprite con la carta stagnola.

2 LUNEDÌ: Mescolare e ricoprire.

3 e 4 MARTEDÌ e MERCOLEDÌ: Non toccare.

5 GIOVEDÌ: Aggiungere un bicchiere di farina, uno di zucchero e uno di altte, non mescolate e ricoprire.

6 VENERDÌ: Mescolare il tutto e ricoprire.

7/8/9 SABATO, DOMENICA E LUNEDÌ: Non toccare.

10 MARTEDÌ: Togliere 3 bicchieri dall’impasto da donare o conservare per se per le future torte da fare mescolate con un cucchiaio di legno e
Aggiungere al poco di impasto rimasto gli ingredienti che vedete in elenco

come unità di misura usare 1 bicchiere di carta di quelli comuni

  • 2 bicchieri di farina,
  • 1 mela tagliata a pezzetti
  • 1 di zucchero,
  • 1 di olio di semi,
  • 4 noci sbriciolate,
  • 150 gr di uvetta ammollata per 10 minuti in acqua calda e strizzata
  • 2 pizzichi di cannella,
  • 1 mela a pezzetti
  • 2 uova,
  • 2 bustine di vanillina,
  • 1 bustina di lievito,,
  • gocce di cioccolato,
  • 1 pizzico di sale.
  • frutta a piacere da mettere sopra (fragole, kiwi, banane)
  • zucchero a velo

dopo aver mescolato con cura tutti gli ingredienti a mano , imburrate e infarinate una tortiera e versate l’impasto Infornare  a 180° per 45 minuti circa. 

Sfornare e spolverizzare con zucchero a velo e guarnite con frutta fresca … fragole, kiwi e banane

PROCEDIMENTO SENZA BICCHIERE D’IMPASTO

PRIMA DI INIZIARE USARE SEMPRE GLI STESSI ACCORGIMENTI DELLA PRIMA PREPARAZIONE

Giorno 1 – Domenica
In un contenitore di vetro o di porcellana (nessun altro tipo di materiale è permesso) mettete 1 bicchiere di farina e 1 bicchiere di zucchero. SENZA MESCOLARE coprite con CARTA STAGNOLA e lasciate l’impasto fuori dal frigo per tutta la durata della preparazione del dolce, anche quando verranno aggiunti gli ingredienti che sono solitamente deteriorabili.

Giorno 2 – Lunedì
Mescolate con un cucchiaio di legno.

Giorni 3 e 4 – Martedì e Mercoledì
NON TOCCATE.

Giorno 5 – Giovedì
Aggiungete 1 bicchiere di farina, 1 bicchiere di zucchero e 1 bicchiere di latte. NON MESCOLATE.

Giorno 6 – Venerdì
Mescolate con il cucchiaio di legno.

Giorni 7, 8 e 9 – Sabato, Domenica e Lunedì
NON TOCCATE.

Giorno 10 – Martedì
Mescolate il tutto con il cucchiaio di legno. A questo punto togliete 3 bicchieri d’impasto: la tradizione vuole che li regaliate a parenti, amici, o comunque persone alle quali tenete  QUESTO DOLCE NON SI RIFIUTA. In ogni caso, se mettete da parte queste porzioni, le potete anche congelare e la prossima volta che rifarete il dolce avrete una base di partenza. Dopo aver tolto i 3 bicchieri di composto, aggiungete all’impasto rimanente:

2 bicchieri di farina, 1 bicchiere di zucchero, 1 bicchiere di olio di semi, 4 noc1 sbriciolata, due pizzichi di cannella, 150 gr di uvetta ammollata, 1 mela a pezzetti, 2 uova, 2 bustine di vanillina, 1 bustina di lievito per dolci e un pizzico di sale. Mescolate il tutto con il cucchiaio di legno. imburrate e infarinate una tortiera 

 infornate  a 180° per circa 45 minuti.

Sfornare e spolverizzare con zucchero a velo e guarnite con frutta fresca … fragole, kiwi e banane.

se non avete nessuno a cui donare l’impasto della Torta di Padre Pio congelate i 3 vasetti di impasto .  e all’occorrenza ne tirate fuori uno dal congelatore (vedrete che si presenterà  con una consistenza ancora morbida ma non congelata), lo lascerete riposare in una terrina coperta da stagnola per almeno 1 giorno, aumenterà di volume e poi procederete dal punto 10 aggiungendo tutti gli ingredienti!

Vuoi ricevere le mie ricette?… clicca sul logo e iscriviti gratuitamente inserendo la tua mail e le riceverai per posta…seguimi anche su Facebook

2 commenti su “torta di padre pio alla frutta

Lascia un commento

*