Melanzane croccanti nichel-free

IMG_3575L’utilizzo delle melanzane in una dieta senza Nichel è consentito e allora utilizziamole anche nelle preparazioni semplici come quella che vi propongo oggi.

Bisogna porre particolare attenzione però alla preparazione della melanzana poichè contiene naturalmente delle sostanze tossiche. Queste sostanze sono contenute nella pelle e nell’acqua di vegetazione. Per evitare quindi fastidi è sempre bene togliere la pelle e lasciare le fette di melanzana sotto sale col vecchio metodo della nonna (colapasta con sopra un peso) per almeno mezz’ora prima di cucinarle.

Nella preparazione useremo del pangrattato. Vi consiglio di grattuggiare finemente del pane secco di cui conoscete gli ingredienti e che normalmente mangiate, in alternativa potete utilizzare il pane grattato già pronto ma solo se lo tollerate; occhio agli ingredienti sulla confezione.

INGREDIENTI per 4 persone

1 melanzana medio grande

pane grattato

2 uova grandi

sale q.b.

olio di oliva

PREPARAZIONE

IMG_3544Iniziate lavando e sbucciando la melanzana, tagliate delle fette tonde di circa 4 mm.

Ponete le fette di melanzana a strati inIMG_3547 un colapasta (non di metallo) e ponete su ogni strato una spolverata di sale.

Quando avrete preparato tutti gli strati mettetevi sopra un piatto piano e un peso in modo da far meglio colare l’acqua di vegetazione. Lasciate così per almento mezz’ora, poi sciaquate le fette di melanzana sotto l’acqua corrente e asciugatele bene con un panno o carta assorbente.

IMG_3552Sbattete le uova con un pizzico di sale fino e fate scaldare abbondante olio di oliva in una padella a bordi alti.

Procedete passando la melanzana IMG_3564prima nel pan grattato, poi nell’uovo sbattuto e nuovamente nel pan grattato.

Friggete a fuoco dolce girando delicatamente a metà cottura.

IMG_3568Fate colare l’olio in eccesso e servite caldi.

 

 

 

Ricordatevi sempre di:

  • non utilizzare pentole in acciaio inox 18/10 o in alluminio;
  • utilizzare pentole e accesori in ceramica, vetro, plastica o teflon;
  • non utilizzare la prima acqua del rubinetto ma lasciarla scorrere qualche minuto;
  • aggiungere il sale nella pentola solo quando l’acqua bolle;
  • non usare la carta di alluminio per avvolgere i cibi;
  • usare la carta da forno per rivestire padelle o piastre in ghisa;
  • abolire i cidi in scatola;
  • evitare la cottura di cibi al cartoccio;
  • prediligere gli alimenti conservati in recipienti di vetro.
Precedente Medaglioni di melanzana alla mozzarella Successivo Accorgimenti per una cucina Nichel-free