Cuore soffice con lievito madre

Ciao a tutti oggi vi delizio con un dolce romantico e golosissimo, il cuore soffice con lievito madre farcito con crema di mandorle e gocce di cioccolato fondente. Questa volta prendendo ispirazione da una mia ricetta i saccottini ho voluto provare la tecnica cinese del Tang Zhong, detta anche Water roux in gergo più moderno, una tecnica antica che migliora l’impasto rendendolo più elastico, più soffice e si conserva più a lungo senza l’aggiunta di alcun conservante. Questa tra l’altro è la mia prima ricetta in collaborazione con Sicilian art food un sito dove troverete i migliori prodotti dell’enogastronomia siciliana, naturali e genuini, realizzati con tanta passione e cura artigianale, veramente buoni 🙂

IMG_0037ridma adesso passiamo alla ricetta, è un pò lunghina ma vi assicuro che ne vale veramente la pena 😉

Ingredienti per il water roux :

20 g di farina 00

100 ml di acqua

Ingredienti per il cuore soffice con lievito madre :

80 g di lievito madre idratato al 100% rinfrescato 4 ore prima dell’utilizzo *

250 g di manitoba

180 g di farina 00

un uovo

60 g di zucchero di canna

70 ml di olio di semi di girasole

30 ml di acqua

una fialetta aroma vaniglia paneangeli

un pizzico di sale

crema di mandorle q.b.

100 g di gocce di cioccolato fondente

un tuorlo

10 ml di latte

* Se volete utilizzare pasta madre solida 100 g, 140 ml di acqua quindi 100 ml per il water roux e 40 ml per l’impasto, 235 g di manitoba e 165 g di farina 00

Procedimento :

mettere in un pentolino 100 ml d’acqua e 20 g di farina 00, portare sul fuoco a fiamma bassa e mescolare con una frusta fino a quando diventerà un composto gelatinoso non densissimo ma liquido, tipo besciamella. Far raffreddare. Sciogliere il lievito madre in 30 ml d’acqua, aggiungere il water roux, l’aroma vaniglia, lo zucchero e mescolare. Setacciare gradatamente le farine e iniziare ad impastare, aggiungere l’uovo, il pizzico di sale e impastare fino ad incordare l’impasto. Infine aggiungere l’olio di semi di girasole e continuare ad impastare fino a quando è ben assorbito. Porre l’impasto in un contenitore ermetico di plastica leggermente unto con dell’olio e lasciare a temperatura ambiente per 2 ore. Trascorse queste ore mettere in frigo per almeno 8 ore. Togliere il contenitore dal frigo e far acclimatare per 2 ore. Rovesciare l’impasto delicatamente su un piano da lavoro leggermente infarinato e fare 2 giri di pieghe a 3, pirlare e mettere a lievitare per un ora. Ripetere i 2 giri di pieghe a 3, pirlare e mettere a lievitare per un altra ora. Dividere l’impasto in 2 parti uguali e stendere i 2 impasti con un mattarello formando 2 rettangoli sottili, dello spessore di 3 mm circa. Stendere su un rettangolo con un cucchiaio la crema di mandorle.

 

IMG_0041ridAggiungere le gocce di cioccolato fondente.

IMG_0045rid
Poggiare sopra l’altro rettangolo, pigiare leggermente con le mani, e tagliare con un taglia pizza dei triangolini.

IMG_0048Formare tante piccole brioches arrotolando la base del triangolo su se stessa e metterle nello stampo a cuore, una accanto all’altra.

IMG_0053Coprire con la pellicola e mettere in forno spento con la luce accesa a lievitare fino al raddoppio, 4 ore circa. Spennelare con tuorlo e latte e infornare in forno statico preriscaldato a 180 ° nella parte media su una leccarda per 30 minuti circa. Far raffreddare e togliere delicatamente dallo stampo. Conservare in un sacchetto alimentare chiuso o surgelare e scongelare all’occorrenza.

Buon San Valentino a tutti 🙂 !!!

Cuore soffice con lievito madre
Cuore soffice con lievito madre

IMG_0106ridPiccolo video per voi 🙂

Questa ricetta partecipa alla raccolta Panissimo dolci per la colazione in collaborazione con i blog I pasticci di Terry e il blog di Barbara e di Sandra

finale-di-stagione-blog della nostra amica polacca

Panissimo-polacco1

 

 

 

 

 

 

 

Precedente Crema al cioccolato fondente Successivo Pane con farina di farro bianca e farina 0

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.