biscotti integrali ai 3 cereali, con yogurt, olio e spezie

biscotti integrali ai 3 cereali, con yogurt, olio e spezie, zenzero e cannella, preparati con farina di avena, di orzo e farro, arricchiti dai fiocchi di avena, orzo e farro, olio extravergine di oliva  leggero ligure, e yogurt, io ho usato il mio kefir da latte. Questi biscotti sono ricchi di fibre, a basso indice glicemico, adatti alla prima colazione e ad uno spuntino sano, non sono dolcissimi, se volete potete aggiungere all’impasto un trito grossolano di nocciole tostate, gr 100, e qualche cucchiaio in più di zucchero. Per preparare questi biscotti integrali ai 3 cereali, con yogurt, olio e spezie ho usato lo stampino per i canestrelli, e con questa dose ne vengono circa 60, si coservano bene in una scatola di latta

biscotti-ai-3-cerealigr 50 fiocchi di avena
gr 50 fiocchi di orzo
gr 50 fiocchi di farro
gr 50 farina di vena
gr 100 farina di orzo
gr 100 farina di farro
gr 100 crusca di avena
gr 100 zucchero muscovado o di canna
gr 50 miele millefiori
gr 100 olio extraverginedi oliva leggero
(altrimenti olio di semi)
gr 150 kefir da latte o yogurt naturale
1 cucchiaino abbondante cannella in polvere
1 cucchiaino abbondante zenzero in polvere
1/2 bustina ammoniaca per dolci ( gr10)

– setacciare e mescolare la farina di avena, di orzo e di farro, mettere in una terrina capiente ed aggiungere i fiocchi di avena, orzo e farro, la crusca di avena, 1 cucchiaino abbondante di cannella e 1 di zenzero
– aggiungere l’ammoniaca per dolci sciolta in mezza tazzina di acqua tiepida, mescolare l’olio con lo yogurt ed aggiungere l’emulsione a al resto ( a questo punto assaggiare la pasta e se non è abbastanza dolce per i vostri gusti aggiungere altro zucchero il trito di nocciole)
– impastare il tutto con le mani unte di olio e se occorre aggiungerne un pochino
– stendere l’impasto ad una altezza di mezzo centimetro e ricavare i biscotti con lo stampo preferito
– mettere i biscotti su un foglio di carta da forno e cuocere in forno caldo ventilato a 180° per 10-12′ fino a doratura dei bordi
– l’odore dell’ammoniaca sparisce con la cottura e il raffreddamento dei biscotti

 

stroscia di Pietrabruna

la stroscia di Pietrabruna è un antico dolce del ponente ligure, Pietrabruna, nell’imperiese, è una particolare frolla preparata con l’olio extravergine di oliva, quello taggiasco, delicato, e profumata dal marsala o dal vermuth.
Una volta cotta la stroscia di Pietrabruna non va tagliata ma, come dice il nome in dialetto genovese, si deve “stroscià” spezzettare.La stroscia di Pietrabruna potete servirla accompagnata ad un buon vino dolce o una crema calda come lo zabaione, ed essendo preparata senza uova e latticini è adattissima a chi ne è intollerante. La stroscia di Pietrabruna si prepara velocemente e si conserva per parecchi giorni in un contenitore di latta
per chi non possiede un olio delicato, o non ama troppo il suo aroma consiglio di usare metà olio di semi e metà olio extravergine di oliva
la ricetta originale l’ho presa dal bellissimo libro di Ilaria Fioravanti  “dolci ricette di Liguria”stroscia

gr 500  di farina 00
gr 150 di zucchero di canna + 3 cucchiai abbondanti
1 cucchiaino di lievito
ml 150 olio extravergine di oliva ligure delicato
buccia di limone grattugiata
ml 150/200 di marsala o vermuth

-mescolare la farina con lo zucchero e il cucchiaino di lievito
– aggiungere la scorza di limone grattugiata, l’olio di oliva extravergine e il marsala
– impastare fino ad ottenere una pasta morbida,
– stendere con le mani in una teglia bassa 30×40 con spessore di poco meno di 1 cm, spolverare con i 3 cucchiai di zucchero di canna e cuocere in forno caldo a 180°per circa 30′. la pasta non deve scurire e come per la pasta frolla va sfornata che sembra ancora morbida, a raffreddamento completato si indurirà
– questa torta non va tagliata ma spezzettata con le mani

 

machetto alla ligure, la pasta di acciughe

machetto alla ligure, la pasta di acciughe, è un parente stretto del Garum romano, una crema ottenuta pestando nel mortaio le acciughe messe 40 giorni a macerare nel sale grosso, il machetto alla ligure, la pasta di acciughe viene messo e conservato in un contenitore ricoperto di olio extravergine di oliva, questa crema condita con olio e origano, o prezzemolo la si può gustare sul pane, mescolata con un pochino di aglio e sciolta in un pentolino con un trito di magiorana, o origano o prezzemolo, diventa un ottimo condimento per la pasta. Se volete fare prima potete acquistare le acciughe già sotto sale, prenderne 6, pulirle, pestarle e preparare il condimento come vi ho spiegato

machettogr 500 acciughe o sardine
sale grosso
olio extravergine di oliva

– pulire le acciuhe, tagliare la testa e le interioria, alcuni le lasciano intere
– metterle in un contenitore alternandole al sale grosso, chiudere e lasciar riposare per una quarantina di giorni
– sciacquarle e pestarle in un mortaio, raccogliere la pasta e conservarla in un contenitore ricoperto di olio extravergine di oliva

biscotti morbidi con avena, mandorle, noci, bacche di goji e cioccolato fondente, solo con olio extravergine di olive e miele…a basso indice glicemico

biscotti imorbidi con avena, mandorle, noci, bacche di goji e cioccolato fondente, solo con olio extravergine di oliva e miele…a basso indice glicemico
da un’idea presa qui ma da me elaborata

biscotti integraligr 150 farina integrale di avena o integrale di grano
gr 100 cruschello di avena
gr 50 fiocchi di avena
gr 40 noci
gr 40 mandorle non pelate
3 o 4 cucchiai di miele
ml 50 olio extravergine di oliva
1 actimel bianco
punta di coltello di lievito in polvere
1 cucchiaino raso di bicarbonato
gr 50 cioccolato fondente 75%
un pugno di bacche di goji
latte scremato

– mescolare lla farina integrale di avena con il cruschello di avena
– aggiungere il miele, le noci, le mandorle tritate grossolanamente, i fiocchi di avena, l’olio extravergine di oliva, l’actimel, il lievito, il bicarbonato, il cioccolato fondebte tagliato a pezzetti e le bacche di goji
– impastare e se occorre ammorbidire con del latte scremato
– con le mani infarinate formare delle palline e appiattirle
– metterle sulla leccarda ricoperta da carta forno leggermente distanziate tra di loro, ne vengono circa 35
– cuocere in forno caldo ventilato a 180° per 12′ circa
se li preferite i biscotti un pò più dolci aggiungere qualche cucchiaio di zucchero di canna

 

 

pan brioche al latte, ricetta veloce

questo  pan brioche al latte è un’ eccellente base per la colazione, per la merenda, si presta bene per essere spalmato con marmellate e creme, la ricetta l’ho trovata qui, io ho apportato delle modifiche

2013-01-13 20.14.23

gr 500 farina manitoba
gr 100 zucchero di canna
ml 200 miele di robinia
1 bicchiere ( della nutella ) latte
1/2 bicchiere di olio evo
1 bustina di lievito di birra disidratato

– stemperare il lievito nel latte tiepido con un cucchiaio di zucchero, lasciare riposare per 15′ coperto e al caldo
– versare nella farina e aggiungere lo zucchero e il miele
– impastare per una decina di minuti, fare una palla, praticare un’incisione a croce, coprire con la pellicola e un canovaccio e mettere a lievitare al caldo fino al raddoppio, circa 90′
– scoprire la pasta e reimpastarla per qualche minuto, stemderla ed arrotolarla su se stessa
–  dividerla in due e metterla in due stampi da plum cake
– coprirla e lasciarla riposare al caldo, io l’ho messa sul termosifone, fino al raddoppio, un paio d’ore
– cuocere in forno caldo a 180° 25′