kefir di latte

kefir procedementoIl kefìr (anche chefir, kefir o kefyr) è una bevanda ricca di fermenti lattici e probiotici ottenuta dalla fermentazione del latte. Contiene circa lo 0,8% di acido lattico, ha un gusto fresco ed è un alimento nutriente. Originario del Caucas.Il kéfir tradizionale viene preparato utilizzando latte fresco (di pecora, capra o vacca) e i fermenti o granuli di kéfir, formati da un polisaccaride chiamato kefiran che ospita colonie di batteri e lieviti in associazione simbiotica.I fermenti del kéfir sono adattabili e quindi utilizzabili anche per fermentare altri liquidi con contenuto di zuccheri come i latti di soia o riso e l’acqua con l’aggiunta di zucchero, frutta o altri aromi.La preparazione del kefir necessita dell’inoculazione del latte con i fermenti omonimi, un’associazione di batteri e di lieviti residenti in strutture costituite da un polisaccaride, il kefiran, prodotto dai batteri stessi. I microorganismi si moltiplicheranno nel latte portando a compimento il processo fermentativo.Nella fermentazione intervengono diverse specie di lieviti e di fermenti lattici. Si tratta di una fermentazione prevalentemente lattica, ma in parte anche alcolica (presenza di lieviti che trasformano lo zucchero in alcool e in anidride carbonica).Nella preparazione domestica tradizionale i granuli vengono recuperati e riutilizzati per le successive fermentazioni.Si aggiungono i fermenti al latte (deve essere freddo o a temperatura ambiente, comunque non eccessivamente caldo) e si lascia fermentare da 24 a 48 ore a circa 20 °C mescolandolo di tanto in tanto (Si può usare il latte fresco pastorizzato o il latte a lunga conservazione). Il kefir ottenuto nella produzione domestica può avere una leggera gradazione alcolica (fino ad 1 grado) mentre alcuni prodotti industriali non presentano questa caratteristica grazie a specifici metodi produttivi.Se non viene consumato subito, il kefir deve essere messo in frigorifero, dove si conserva senza problemi per oltre una settimana: nel caso si lasci fermentare oltre diventa troppo acido e prende un gusto piccante.l Kefir manifesta numerose qualità[3] grazie all’attività dei batteri probiotici:Contribuisce a promuovere la formazione di anticorpi.Riequilibra la flora batterica intestinale.

Dose e procedimento:
– Il rapporto latte fermenti è di 1:1 io metto a fermentare gr 50 di fermenti  in 500 ml di latte parzialmente scremato a temperatura ambiente, coprire con un tovagliono e mettere a fermentare fuori dal frigorifero per almeno 24 h, in estate , in inverno fino a 48 h
– filtrare il siero in un colino di plastica a maglie fitte, raccogliere il siero e conservare
– con un cucchiaio di plastica far colare il latte fermentato similyogurt in un barattolo di vetro, conservare in frigorifero
– rimettere i granuli nel latte senza risciacquarli, pulire il contenitore sotto l acqua senza detersivo
– potete dolcificare con zucchero, miele, frutta fresca o marmellata, aggiungere frutta secca e cioccolata, io preparo ottimi budini e dessert
– il siero lo uso per panificare insieme al lievito, ne potenzia la lievitazione,oppure impastato con il kefir e lasciato riposare al caldo 24 ore diventa un lievito madre
il siero fresco da frigorifero è un’ottima bevanda, ricca di fermenti e proteine, priva di zucchero, se bevuto appena filtrato ha un potere restringente, se consumato dopo qualche giorno stimola la peristalsi.
Potete trovare tutte le informazioni utili e il modo per reperire i granuli qui e per chi è su fb qui

 

 

Precedente focaccia con siero di kefir Successivo cipolline all'aceto balsamico

2 commenti su “kefir di latte

Lascia un commento