canederli alle erbette

A dicembre abbiamo fatto una veloce gita a Trento alla scoperta dei suoi musei, delle sue bellezze artistiche e ovviamente visto il periodo dei famosi mercatini della città… o meglio alla parte gastronomica dei mercatini!

foto dell’interno

 

Così ho scoperto una vera delizia per il palato, gustati direttamente sul posto e portati anche a casa. Ovviamente il desiderio di ricrearli a casa è stato troppo forte!

E’ un piatto semplice da realizzare, ottimo anche per riciclare gli avanzi di pane vecchio.

INGREDIENTI:

600 g di erbette miste (bietole, spinaci, cicoria)

250 g di pane raffermo

125 ml di latte

uno scalogno

2 cucchiai di olio extravergine

2 uova

60 g di burro

una manciata di mandorle tostate sgusciate

parmigiano grattugiato

noce moscata

sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE:

Fate scuocere in acqua salata le verdure. Io ho usato spinaci, bietole e cicoria surgelate fatte cuocere in poca acqua bollente per 5/6 minuti.

in una padella fate scaldare l’olio, aggiungete lo scalogno tagliato sottile e fatelo imbiondire. Aggiungete quindi le erbette cotte, dopo averle scolate, e fatele cuocere a fuoco medio per una 5/6 minuti in modo che si insaporiscano. regolate sale e pepe.

Tagliate il pane raffermo a cubetti di mezzo cm circa. Ho utilizzato del pane tirolese( una sorta di filone con farina ai cereali e con i classici semini misti sulla superficie) per dargli un sapore più rustico. versate il latte sopra al pane tagliato, rigiratelo con le mani ogni tanto in modo che il pane raffermo diventi più morbido. Se necessario aggiungete altro latte ma considerate che non dovrà sbriciolarsi: i pezzetti di pane si dovranno ancora distinguere.

In una terrina mettete le verdure cotte, unite le uova, un pizzico di noce moscata e 4 cucchiai abbondanti di parmigiano grattugiato. Mescolate bene poi aggiungete il pane ammorbidito nel latte. Amalgamate bene l’impasto, facendo attenzione a non lavorarlo troppo per non sbriciolare il pane.

Formate delle palline di circa 5 cm di diametro. Se l’impasto fosse troppo morbido potete aggiungere del pangrattato.

Potete preparare i canederli anche il giorno precedente conservandoli in frigorifero su un tagliere.

portate ad ebollizione dell’acqua salata, versatevi dentro i canederli facendo attenzione a non sovrapporli. Sciogliete il burro a fuoco basso insieme alle noccioline tritate grossolanamente in modo da farlo insaporire. Dopo una decina di minuti scolate i canederli e conditeli con il burro fuso e una generosa grattata di parmigiano reggiano!

Un piatto semplice ma davvero gustoso.

 

 

Facebook Comments
Precedente BACCALA' al VAPORE su crema di cipolle e curcuma

Lascia un commento