crescionda rivisitata

Per preparare la mia ricetta per Pavesini, mi è venuta in mente questa torta diversa dal solito, ma con un sapore che ti conquista; l’ho appunto rivisitata per renderla adattabile alle richieste e il risultato è stato ottimo. Una piccola premessa è d’obbligo per spiegare questo dolce, tipico della zona di Spoleto e dalle origini antichissime, in cui la farina e’ completamente sostituita dai biscotti che, svolgendo il ruolo di base, devono essere tritati molto finemente.

BlogDSC00750

INGREDIENTI:

300 gr di pavesini

200 gr di amaretti secchi

4 uova

100 gr di burro

1/2 l di latte

4 cucchiai di zucchero

80 gr di cioccolato fondente

1 limone grattugiato

1/2 bustina di lievito

zucchero a velo per la rifinitura

Partiamo ovviamente dagli ingredienti fondamentali di questa ricetta: i pavesini

BlogDSC00735

e gli amaretti

BlogDSC00736

che, nel mixer, devono essere tritati molto finemente fino ad ottenere una polvere sottilissima. Dopodiche’, a bagnomaria sciogliete il burro e lasciatelo intiepidire e grattugiate finemente il cioccolato. Sbattete in una ciotola le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto bello gonfio, versando a filo il latte. Incorporate il burro fuso, il cioccolato grattugiato e la scorza del limone. A questo punto unite al composto il mix di biscotti e il lievito, e finite di mescolare. Imburrate una tortiera di 26 cm di diametro, versateci il composto, livellate bene e cuocete in forno caldo a circa 160 gradi per 50-55 minuti. La torta deve cuocere parecchio per potersi ben asciugare, se negli ultimi dieci minuti notate che la superficie si sta scurendo troppo, copritela con un foglio di carta argentata e fate comunque la prova stecchino che dovra’ uscire bello asciutto. Lasciate raffreddare e cospargete con zucchero a velo

BlogDSC00748

ed ecco la mia creazione, anche in versione tagliata

BlogDSC00752

veramente ottima!!!!! E questo e’ il link di rimando per tutte le altre ricette http://speciali.giallozafferano.it/speciali-adv/dolci-di-pavesini/

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Be Sociable, Share!
Precedente pan carrè ai semini Successivo biscotti allo zenzero

5 commenti su “crescionda rivisitata

  1. Ottimo dolce!! Io conosco la crescionda perchè ho degli zii e cugini a Spoleto 😉
    Questa tua rivisitazione è dic erto buonissima, brava Sabri!
    Buon Primo maggio!

Lascia un commento


*