Crea sito

Auguri per S. Gabbriella

 

Auguri per S.Gabriella

 

  A Voi, mia futura gentile mammina.

  In occasione del vostro Onomastico, il dì 18 marzo 1901,

  dedico quest’umile

            Augurio Tragicomicoridicolosissimo

                                                  L’Alba

Appena l’alba de stu jurno bello,

Ve vene a salutà e vuie durmite,

Nu raggio ‘e sole ‘a dinto o barcunciello,

Trase, ve vasa nfronte e ve saluta.

 

Rerite’nzuonno e  ‘o sole v’accarezza

Pe farve n’augurio prelibato.

Da fora n’aucelluzzo pa’ priezza,

Canta, e a stu canto doce ve scetate.

 

Allora’e figlie voste tutte ncoro

Ve veneno a vasa’ po piacere,
E mente vuie vasate pure a loro,

S’accosta ‘a zia ca tazza e a cafettera.

 

Buon giorno, po  ve dice, e o core mpietto

Le sbatte forte, forte p’allegria

Te pigliete ‘o cafe’ stess’int’olietto

Te l’aggio fatto apposta, sora mia!

 

                     Zi Monaca

Po vene l’auta sora, ‘a munacella,

Cu n’abetino mmane, e doie curone,

Siccome (dice) e’ Santa Gabbriella

T’aggie purtate sti devozione.

Che sora casta! Che devota vera!

Che bel pensiero pien’e santità!

Dicimmoce c’ ‘o core na preghiera,

E po’ nce jammo tutte a cunfessa!

 

                A portinaia

−       Cient’e sti juorne e tanta cose  fine….

−       Mamma’ cca sta Francesca ‘a guardaporta…

−       Puzzate aunnà’ ‘e bene e ‘e Signurine

          Pozzen’avè’ na bella e ricca sciorta.

 

France’ io te ringrazio assaie assaie,

   Chest’è na lira, accattete ‘o cafè…

Signora mia, vuie nun murite maie,

   Campate sempe … pe fa bene ‘a me…

 

              O marito ’a portinaia

Bon giorn’ossignuri’ e cu saluto,

Vorrebbe anch’io eruttà quacchi pirola;

Mo nce vo’’o fatt’apposta so venuto

Pe ddì quaccosa a la Signora sola:

 

“ Pe fisteggia sta dorce occasione

Me voglio mbriaca’ cu ‘e figlie mieie;

Questa sareste la mia intenzione

Ma non so poi se voi l’approverei.”

 

Aggie capito… tiè, chiste è ‘o riale,

  Oggi che figlie tuoi  può fa bicchiere…

Tenite’o core ca nun c’è l’eguale

   Lasciate ca’ ve vase ‘e mmane e e ‘ piede…

 

                  Vosta figlia Elisa

Ndelì…Ndelì Chi è? Hanno bussato?

Aprite, sono il fattorin di posta,

Il guardaporto, giù non l’ho trovato

E vi port’io sta lettera da vosta.

 

Na lettera pe me? Chi m’ha spedite?

  Nanni vieneme ‘a lieggie  nu mumento.

Mammà v’ha scritto Elisa’un’o vedite?

   Sta lettera è venuta d’o cunvento.

M’ha scritto Elisa?! M’ ’o diceva ‘o core!…

Mammà mo a leggh’io?

Gnornò Nannina…

   A vuie nun ve capisco, ascite fore,

Liegge Nannì

 

“ Carissima  mammina,

“Oggi ricorre il vostro nome amato”

“Ed io giuliva, qui’ nella mia cella”

“ Vi prendo parte e prego a S.Donato”

“ acciò vi custodisca sana e bella.”

 

Sappiate pur che da mattina a sera”

“ Non faccio che pregar Gesù e Maria,

“ E non mi scordo mai nella preghiera”

“Del Nome santo della madre mia!”

…………………………………..

…………………………………..

E doppo, pe cumpì stu bello juorno

Ve vene a fa visita ‘a cummara;

Vene Bettina, cu na faccia e cuorno

Quella cafona ca’ vo fa ‘a signora…

…………………………………

E all’urdemo, cu nu felill’e voce

S’accosta Zi’ Rafela, ‘a vecchiarella:

“Oggi nce azzecca ’o bicchierino doce”

E se capisce. E’ S. Gabbriella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.