Trippa alla calabrese

Trippa alla calabreseOggi il Calendario del Cibo Italiano ci ricorda che è la giornata della Trippa. Ce ne parlerà la brava Sabrina Tocchio del blog natosottoilcavoloblog.com. Da parte mia contribuisco alla giornata con questa ricetta.

La trippa è un alimento conosciuto e apprezzato da millenni. Era già presente nelle tavole dell’antica Grecia dove veniva cucinata sopratutto alla brace. Anche adesso continua a essere la protagonista di innumerevoli ricette tradizionali rappresentando quella “cucina povera” che è divenuta una delle più caratteristiche “ricchezze” dell’enogastronomia italiana.
La trippa alla calabrese è una delle tante declinazioni regionali (per altro anche in Calabria ci sono diverse versioni), preparata con ingredienti semplici e l’aggiunta del peperoncino calabro che le dona la tipica piccantezza di tanti piatti di questo territorio. Rispetto alla ricetta tradizionale ho voluto aggiungere la scorza di limone che ha arricchito con un’ulteriore nota agrumata il sapore del piatto.

Trippa alla calabrese

Ingredienti per quattro persone:
Un kg di trippa pulita e precotta (che mi prepara il mio macellaio di fiducia)
500 ml di pomodoro a cubetti
Una cipolla rossa media
Uno spicchio d’aglio
Mezzo gambo di sedano
2 peperoncini calabresi
La scorza di mezzo limone piccolo
Un bicchiere di vino bianco
Olio extravergine

Preparazione:
Preparare un battuto con la cipolla, l’aglio, il sedano, i peperoncini e far soffriggere per un paio di minuti

Aggiungere la trippa tagliata a pezzi, rosolarla per un paio di minuti quindi versare il vino, la scorza di limone e fare sfumare

Versare il pomodoro a cubetti, regolare di sale e far andare a fuoco basso e pentola semicoperta per un’ora abbondante mescolando di tanto in tanto. A fine cottura la salsa dovrà risultare densa e corposa e la trippa morbida ma non sfatta

Fare riposare un paio di minuti, impiattare, versare un filo d’olio a crudo e servire

Trippa alla calabrese


Scopri tutte le mie ricette cliccando qui e seguimi anche su facebook

Precedente Pollo e verdure allo zafferano in tajine Successivo Insalata di puntarelle
  • Cristiana Del Beufalamode

    Ciao, mi piace l’aggiunta del limone che credo di non aver mai provato. Visto che ne ho in quantità proverò! Grazie cri

    • Ciao Cristina, a me questa “contaminazione” è molto piaciuta. La scorza di limone dona un tocco di freschezza e brio molto piacevole. Fammi sapere se la prova sarà di tuo gradimento. 🙂