Crea sito

Collo ripieno

COLLO RIPIENO

collo ripieno1

Originale ricetta per la sezione Orrori da gustare. Delizioso piatto della tradizione della mia famiglia, ricorda un pò la CIMA genovese, qui si tratta del collo di gallina ripieno con verdure e uova.

Ingredienti

  • collo di gallina pulito
  • uova (anche quelle trovate all’interno della gallina non ancora espulse)
  • bietole
  • pane
  • latte
  • sale
  • pepe
  • maggiorana

Preparazione: tritare le bietole bollite e ben asciutte mescolarle con pane bagnato nel latte e strizzato, un uovo, sale, pepe, maggiorana.

Riempire il collo con il composto insieme alle uova trovate all’interno della gallina

20140730_190750

 

in modo che tagliando le fette rimanga il tondo del tuorlo chiaro.

Non riempire eccessivamente e cucire becco e fondo del collo. Bollire a fuoco lento per almeno un’ora (dipende dall’età della gallina, la mia era piuttosto giovane).

20140803_093415

Tagliare a fette e servire a temperatura ambiente.

20140803_093659

Accompagnare con salse a piacere, io solitamente uso la salsa verde o bagnetto piemontese.

20140803_094401collo ripieno1

20140803_094416

Print Friendly, PDF & Email

4 Risposte a “Collo ripieno”

    1. Buongiorno
      mi dispiace per la sua reazione. La cultura contadina insegna a utilizzare tutte le parti degli animali che sono preziosi. E la ricetta è buona.

      1. Se ci fosse ancora la mia nonna farei rispondere lei. Buttare il cibo per chi ha passato gli anni della guerra era davvero un sacrilegio. I contadini che allevavano mucche e galline mantenevano famiglie intere. Con questi piatti di recupero riuscivano a non far morir di fame anche 10 figli.
        Credo serva più rispetto per le tradizioni e per il cibo in generale. Solo perché si chiama collo… il sedere del maiale o la sua faccia o il suo grasso sono buonissimi e non fanno schifo? Le uova che escono proprio da li?
        Nessuno è obbligatoba mangiarlo … ma schifarlo mi sembra esagerato… scusate lo sfogo ma le tradizioni di famiglia sono importanti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.