Totanetti in umido con patate

Totanetti in umido con patate

 

Ciao Pentolini, ecco una ricetta davvero gustosa a base di totano, ovvero i TOTANETTI IN UMIDO CON PATATE, un piatto realizzabile in pochissimo tempo, 25-30 minuti che vi farà avere una grande successo tra i vostri amici o ospiti.

Il totano, questo fantastico mollusco simile al calamaro, ma secondo il mio gusto personale, molto piu’ versatile in cucina!

I totanetti in umido con patate sono un’idea diversa, un ripieno semplice da proporre anche ai piu’ piccoli, in quanto c’è il formaggio che rende tutto speciale.

Eh si, chi lo ha detto che il formaggio non sta bene con il pesce?

Nella ricetta utilizzo un formaggio a pasta semidura, il Bel paese, in cottura rilascia quel pizzico di sale che servirà a rendere il nostro Totano golosissimo.

Ecco gli ingredienti per realizzare i totanetti in umido con patate:

  • Totano fresco
  • Pan grattato
  • Prezzemolo fresco
  • 1 spicchio d’aglio
  • Olio EVO
  • Cubetti di formaggio tipo Bel paese
  • Olive nere infornate
  • Pomodorini
  • Vino bianco frizzantino
  • Pepe nero
  • Acqua
  • Patate
  • Sale

Preparazione:

pulire i totani, tagliarli e farcirli con un ripieno fatto di olio, pangrattato, prezzemolo e un cubetto di formaggio.

Arrotolare, sigillarlo con  qualche stuzzicadenti ottenendo un involtino e mettere in disparte,

In un padella antiaderente con poco olio far imbiondire uno spicchio d’aglio e aggiungere delle patate (precedentemente sbucciate) tagliate piccolissime.

Farle cuocere qualche minuto e adagiare gli involtini di totano, rigirandoli da entrambe i lati e sfumare con il vino bianco.

Versare un pò d’acqua, aggiungere le olive, i pomodorini e coprire.

Lasciar cuocere per circa 25-30 minuti e servire caldo.

Piatto davvero semplice e molto saporito.

Fatemi sapere amici 😀

Vi lascio anche un breve video per guardare i passaggi e realizzarlo con me, a presto e alla prossima!!!!!!!!

Qui il video

 

Secondi , , , , , , , ,

Informazioni su cosaceinpentola

Ciao! Mi chiamo Geraldine e da quando avevo 11 anni, seguivo mia madre in cucina! Lei mi ha trasmesso una passione inarrestabile, che giorno dopo giorno cresce.. Non c'è cosa più bella dello svegliarsi, aprire la porta della camera e.. sentire un profumo delizioso.. quegli odori, quei sapori, che solo una madre è capace di creare.. amore, creatività e pazienza sono i tre ingredienti principali del mio mondo in cucina. E così dopo varie richieste di amiche.. decido di aprire nel 2011 il blog Cosa c'è in Pentola e dedicarlo a mia madre "Teresita"... e a Rosamaria che mi ha dato l'idea di condividere le mie ricette con tutti. Capita di aprire il frigo e non sapere cosa fare, magari potrò aiutarvi nel mio piccolo :) Per qualsiasi cosa potete contattarmi scrivendo a: cosaceinpentola@gmail.com "Cucinare è un modo di dare." Michel Bourdin

Precedente Calzoni rustici al forno Successivo Polpette vegetariane al cumino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.