Panettone bianco all’ananas

Il PANETTONE BIANCO ALL’ANANAS è un’idea davvero deliziosa per chi ama il dolce e chi si vuole liberare dai tristi panettoni e pandori che dimorano nella nostra cucina.

Gli avanzi di Pandoro e Panettone possono essere riciclati in vari modi, ecco quindi una ricetta molto semplice e golosa per consumarli, regalando agli amici attimi di felicità!!!

Nei prossimi giorni vedremo ancora  ricette carine  e soprattutto veloci da proporre in famiglia e fare un bel figurone 😀

Panettone bianco all'ananas (800x600)

PANETTONE BIANCO ALL’ANANAS

Ingredienti:

  • Panettone bianco artigianale o quello che avete in casa
  • 250 gr di mascarpone freddo
  • 130 gr di zucchero semolato
  • 50/60 gr di succo d’ananas
  • Ananas fresco (non zuccherato)
  • Zucchero a velo vanigliato
  • Liquore per aromatizzare (facoltativo)

Preparazione:
tagliare a cubetti il panettone e riscaldarlo su piastra fino a quando diventa croccante e profumato di burro.
Intanto lavorare a crema il mascarpone con lo zucchero e versare poco alla volta il succo d’ananas.
Dovrete ottenere una crema liscia e lucida.
Pulire l’ananas fresca e tagliarla a cubetti, eliminando la parte centrale, un po’ piu’ dura.
Assemblare il dolce a strati, alternando la crema al mascarpone, il panettone, l’ananas e terminare spolverizzando con  lo zucchero a velo.
Servire freddo il PANETTONE BIANCO ALL’ANANAS!
P.S. E’ possibile aggiungere altra frutta a piacere come fragole, frutti di bosco, ect ect…

Ringrazio il bravissimo Tonino e la dolcissima moglie Nadia per avermi regalato questo buonissimo PANETTONE artigianale, realizzato nel loro laboratorio con amore e passione.

Vi invito a visitare la loro pagina facebook pentolini, qui il link della PASTICCERIA CICCIU’ passate e lasciate un bel like mi raccomando!!!!

Dolci , , , , , , , , ,

Informazioni su cosaceinpentola

Ciao! Mi chiamo Geraldine e da quando avevo 11 anni, seguivo mia madre in cucina! Lei mi ha trasmesso una passione inarrestabile, che giorno dopo giorno cresce.. Non c'è cosa più bella dello svegliarsi, aprire la porta della camera e.. sentire un profumo delizioso.. quegli odori, quei sapori, che solo una madre è capace di creare.. amore, creatività e pazienza sono i tre ingredienti principali del mio mondo in cucina. E così dopo varie richieste di amiche.. decido di aprire nel 2011 il blog Cosa c'è in Pentola e dedicarlo a mia madre "Teresita"... e a Rosamaria che mi ha dato l'idea di condividere le mie ricette con tutti. Capita di aprire il frigo e non sapere cosa fare, magari potrò aiutarvi nel mio piccolo :) Per qualsiasi cosa potete contattarmi scrivendo a: cosaceinpentola@gmail.com "Cucinare è un modo di dare." Michel Bourdin

Precedente Pittaredde di robiola, fagioli e cotechino Successivo Tortino di pandoro al cuore di Ciobar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.