Outdoor Festival , Basilicata da esplorare e gustare

Outdoor Festival , Basilicata da esplorare e gustare

Ieri sera si è conclusa nel caratteristico Centro Storico di Maratea (PZ) la sesta edizione dell’OUTDOOR FESTIVAL Maratea-Lagonegrese, un evento che promuove giornate dedicate interamente allo sport come il parapendio, equitazione, trekking e tante altre attività con i professionisti dell’OUTDOOR.

Quattro i giorni che hanno raggruppato  appassionati della natura, dello sport e del buon cibo.

La Basilicata valorizza sempre di piu’ i prodotti regionali, le tradizioni, i produttori e le aziende lucane.

Eventi come l’Outdoor rendono omaggio a chi ha deciso di tramandare vecchie ricette, utilizzando materie prime locali e offrendo così al turista pura genuinità.

Passeggiando per le vie del Centro Storico di Maratea (PZ), ho potuto respirare nell’aria quanto amore ci sia nel mostrare agli altri la propria passione.

13493466_10206570740528960_105257444_o

Tra gli stand presenti, ho trovato molto interessante quello di PUNTO E PASTA un laboratorio artigianale di pasta fresca e ripiena di Maratea.

La giovane Francesca vuole mantenere viva questa tradizione, offrendo un’accurata selezione di farine e ingredienti locali per una pasta tutta da gustare.

PUNTO E PASTA

13453293_10206570756569361_775204020_o

Ho sbirciato anche, da grande amante del formaggio e  di miele, la FATTORIA DA NINA un delizioso caseificio.

13460795_10206570748529160_1131922540_o

13499602_10206570745729090_1922049990_o

13467642_10206570746569111_1177184659_o

Immancabili  alla serata di degustazione, le pasticcerie storiche di Maratea con tante delizie che molti di noi hanno avuto già la fortuna di assaggiare! Chi non conosce i famosi Bocconotti di Panza o i morbidi e adorabili dolcetti alle mandorle di Ciro? Be’h se venite nel mio bel paese vi invito personalmente a visitarli.

ciro 2

ciro giugliano1

Cari amici, dite la verità, virtualmente avete camminato con me 😀 e allora fermiamoci presso LA CAFFETTERIA situata in Piazza Buraglia, dove Gino (proprietario del bar)  in collaborazione con il progetto “Maratea Cittadinanza Attiva” ha accolto autorità e giornalisti, proponendo piccole degustazioni con piatti tipici Marateoti.

13461288_10206570743329030_325064755_o

13467877_10206570732528760_1879228683_o 13499530_10206570734128800_148759679_o

 

 

 

 

 

La freschezza in tavola è stata garantita da pomodori di produzione locale, dalla parmigiana di melanzane e zucchine con ricetta massaiola, la ricotta di Massa, dalle meravigliose mozzarelle di Brefaro, le buonissime frittelle di Borraggine, il caciocavallo, le frittelle di fiori di zucca, il capocollo e le numerose proposte di crostate integrali con l’utilizzo di marmellate biologiche.

 

13493418_10206570734568811_1463120557_o

 

Ho avuto il piacere di poter collaborare anch’io con dei finger food realizzati per la prima volta per questa serata. Mi è stato consegnato da Gino, del FINOCCHIO MARINO o crithmum maritimum” una pianta spontanea che cresce sugli scogli vicino al mare, molto aromatica e con mille proprietà benefiche.

Personalmente ancora ignoravo questa pianta, da cui  però sono rimasta affascinata e che ormai entrerà nella mia cucina.

Appena vista, odorata e provata cruda ho pensato a fare delle frittelle di patate, caciocavallo dolce lucano  e appunto finocchio marino. Poi, ho cucinato della mozzarella di bufala pastellata al finocchio, servita con del melone e menta per sgrassare dal senso di frittura.

Come dolce pentolini ho portato dei biscotti con farine integrali direttamente dai mulini lucani e farciti con una salsa al caramello e fondente 😀 golosi!

Ecco una foto poco prima di portarli a destinazione  *.*

finger food

Partecipare è stato soddisfacente, una bella esperienza!

Ringrazio molto chi mi ha tenuta in considerazione, ovvero Gino e la moglie Antonella.

Sono stati davvero gentili con me 😀

E’ stato chiaramente un modo per sentirsi parte di un paese che vuole solo portare avanti tradizioni e amore per gli ingredienti che nascono sani e trovano “una degna morte in pentola”, senza essere massacrati da pesticidi e veleni che purtroppo oggi sono molto dannosi per la nostra salute.

Viva il Bio,  mangiare biologico vuol dire rispettare la natura e amarci.

Vi lascio qualche secondo delle riprese realizzate da me, mentre Francesca, giovane marateota chiudeva un raviolo. Peccato non averla potuta vedere mentre sigillava la pasta con una chiave della nonna… ne riparleremo 😀 questa chicca mi è piaciuta tantissimo!!!

Aforisma del giorno, a proposito di prodotti genuini:

Detesto l’uomo che manda giù il suo cibo non sapendo che cosa mangia. Dubito del suo gusto in cose più importanti. (Charles Lamb)

Alla prossima recensione su eventi e locali, vi aspetto sulla mia pagina facebook

 

 

 

Precedente Ciambelle di San Biagio ai semi di finocchietto Successivo Amido per i piatti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.