Mousse cioccolato e vaniglia

Ospiti a cena e il dolce non è il vostro forte? Avete poco tempo ma volete preparare un dolce goloso che stupisca i vostri ospiti?

Per preparare questo dolce non avrete bisogno del forno ;)…curiosi?

Questa che vi presento è una mousse molto semplice da realizzare a base di panna alla vaniglia e una ganache al cioccolato fondente ,nocciole e gocce di cioccolato regalano una nota di croccantezza.

Ho realizzato questo dolce con l’aiuto della panna vegetale da montare senza grassi idrogenati Hoplà ,il che rende questo dolce adatto a vegetariani e vegani 🙂

Per realizzare questo dolce per 4 persone vi serviranno:

  • 1 l di panna vegetale Hoplà da montare
  • 500 gr di cioccolato fondente
  • 1 fiala di essenza di vaniglia
  • nocciole
  • gocce di cioccolato fondente
  • 4/8 wafer alla nocciola
  • zucchero al velo

Per realizzare questo dolce al meglio dovrete avere il tempo di far raffreddare la ganache al cioccolato potete quindi prepararla la sera prima o al massimo la mattina se servite il dolce la sera.

mousse-2-colori-3

Iniziate quindi con lo scaldare 500 ml di  panna  equando sarà arrivata quasi a bollore togliete dal fuoco e aggiungete il cioccolato fondente,mescolate bene fino ad ottenere un composto omogeneo lasciate raffreddare e quando sarà freddo mettetelo in frigo.

Il bello di questo dolce è che può essere “montato” e assemblato all’ultimo minuto,versate in un recipiente la rimanente panna da montare e la fiala alla vaniglia e far montare fino a quando la consistenza sarà soda e compatta,montare anche la ganache al cioccolato fondente.

Con l’aiuto di 2 cucchiai create delle quenelle e andate a comporre il piatto,completate con i wafer sbriciolati,le nocciole,le gocce di cioccolato e una spolverata di zucchero al velo.

Servite e godetevi i complimenti di parenti e amici…

mousse-2-colori-2

Potete servire se preferite all’interno di bicchieri da martini a strati alternando bianco e nero e mettendo la parte croccante tra i vari strati.

Precedente Il Cottage Pie a modo mio,pasticcio al cardamomo Successivo #WorldPastaDay 2016 un giorno tra storia e futuro