Risotto taleggio e pere

Il risotto taleggio e pere è un risotto estremamente cremoso e dal profumo delizioso e dal gusto delicato. Il taleggio è un formaggio che si sposa perfettamente con le pere e che viene utilizzato in molti risotti, in abbinamento con diverse verdure di stagione come la zucca e i funghi.

Risotto taleggio e pere:

  • Portata: Primo piatto
  • Tempo: 35 minuti circa
  • Difficoltà: Facile
  • Cottura: Fornello

risotto taleggio e pere

In foto: posate e piatti “Festival” di Villa d’Este Home

Ingredienti per 2 persone/porzioni di Risotto taleggio e pere:

  • 150 g di Riso Carnaroli
  • 2 pere decana
  • 50 g di taleggio
  • uno scalogno
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 15 g di burro
  • un cucchiaio di parmigiano reggiano
  • brodo vegetale
  • pepe Melegueta (Grani del Paradiso)

Preparazione del Risotto taleggio e pere:

  • Sbucciare,  tritare finemente lo scalogno e farlo rosolare con il burro in una pentola dal fondo spesso. Unire il riso e farlo tostare mescolando con cura
  • Sfumare con il vino bianco e quando sarà evaporato aggiungere a poco a poco il brodo caldo, avendo cura di aggiungere altro brodo man mano che il precedente verrà assorbito. Cuocere per circa un quarto d’ora.
  • Nel frattempo lavare le pere, ricavare da una pera delle fettine che serviranno da decorazione del piatto, poi sbucciarle entrambe. Tagliare una pera a cubetti piccoli e regolari, mentre l’altra abrà frullata nel mixer.
  • Privare il taleggio della crosta e tagliarlo a cubetti, unirlo al riso insieme alla pera tagliata a cubetti e a quella frullata, continuare la cottura per una decina di minuti aggiungendo altro brodo se necessario.
  • Togliere il risotto dal fuoco, mantecare con il parmigiano, lasciar riposare per un paio di minuti e servire, dopo aver profumato il risotto con del pepe e decorato la superficie con le fettine di pera tenute da parte. Buon appetito 😉

Se ti piacciono le mie ricette, segui la mia pagina facebookCooking Giulia!!

 
Precedente Cavolfiore gratinato al forno con mandorle e bacche di Goji Successivo Conservare la Zucca sottovuoto

Lascia un commento

*