Vellutata di zucca e mandorle ( e Profumi di Mosto)

La vellutata di zucca e mandorle è calda, cremosa e dolce quanto basta per riscaldarci nelle prime giornate autunnali.

zucca e mandorle

Lo scorso fine settimana l’ho trascorso tra vini e cantine del Garda in occasione della XV rassegna Profumi di Mosto. In ogni cantina era possibile degustare almeno un Chiaretto ed un Rosso in abbinamento ad uno o più piatti proposti da chef o dai produttori stessi, dato che alcune strutture sono anche agriturismi.
Per la scelta delle cantine da visitare, quest’anno mi sono affidata allo stomaco più che alla nomea del produttore, sapendo che la mia propensione verso il Chiaretto avrebbe richiesto piatti non troppo elaborati o saporiti, arrischiandomi solo sulla polenta taragna.
Giusto per farvi capire quante fossero le cantine e gli abbinamenti proposti, eccovi il sito internet della rassegna: Profumi di Mosto 2016.

profumi di mosto
Il mio tour è cominciato nella tarda mattinata, tra retrogusto mandorlato, di fiori bianchi e di frutti rossi; tra tonalità di rosa variabili date dal contatto del mosto con le bucce, le stesse varietà di uve che verranno utilizzate per i vini rossi dal caldo colore rubino; tra taglieri di formaggi e piatti caldi.
In particolare, oltre alla polenta taragna di cui ho già accennato, ho potuto assaggiare una polentina con salsa agli agrumi e pesce di lago, dei ravioli alla bresciana al burro fuso, della pasta alle verdure, un assaggio di formaggi con confetture ai frutti rossi ed infine una vellutata di zucca e amaretti servita tiepida.
Ecco allora che ho deciso di riproporre a casa quest’ultima ricetta sostituendo gli amaretti con mandorle sbriciolate.

VELLUTATA DI ZUCCA E MANDORLE
( per due persone)

450 gr zucca con la buccia
( senza semi)

300 ml latte intero + 2 cucchiai da minestra

50 gr burro

10-12 mandorle

1 cucchiaio da caffè di fecola di patate

sale, pepe qb

pane casereccio

Sciacquate abbondantemente la buccia della zucca.
Tagliate a grossi tocchetti e fate cuocere nell’apposito cestello a vapore per 20-30 minuti. Il tempo varia in base alla dimensione dei pezzetti.
Nel frattempo, sgusciate le mandorle e tritatele a coltello.
Io ho preferito tenere la buccia, ma fate in base al vostro gusto.
Quando la zucca sarà tenera ma non sfatta, trasferitela su un tagliere e levate la scorza: in questo modo avrete meno sprechi ed è sicuramente più semplice che sbucciarla da cruda!
Riunite il latte, il burro e la zucca in un pentolino antiaderente.
Fate sobbollire per 5 minuti.
In una tazzina da caffè, versate due cucchiai di latte freddo e scioglietevi un cucchiaino da caffè di fecola di patate.
Trasferite in un boccale la zucca con il latte e frullate brevemente.
Unite la miscela di fecola e amalgamate con altri colpi di mixer.
Versate la vellutata zucca e mandorle in una ciotola da zuppa, cospargete con le mandorle tritate e accompagnate con pane rustico.

Precedente Pan de pelota ( con lievito di birra) Successivo Falafel ai ceci neri e nigella

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.