Riso saltato in verde con uovo

Il riso saltato in verde è condito con piselli, porro e un uovo a terminare il tutto.

riso saltato

Per questa ricetta ho preferito far cuocere il riso per assorbimento, lasciando i chicchi comunque corposi e separati.
Se non avete l’olio di sesamo, che ha un sapore particolare ma costa un tantino, utilizzate dell’olio di semi di qualità; per sostituire l’aceto di riso invece potete usare dell’aceto di mele.

RISO SALTATO IN VERDE CON UOVO
( per due persone)

200 gr riso Roma

160 gr piselli già cotti

1 porro medio senza foglie

2 uova medie

40 ml aceto di riso

50 ml olio di semi di sesamo

Per prima cosa, sciacquate il riso sotto l’acqua per almeno 4-5 volte.
Lasciatelo scolare in un colapasta per 30 minuti.
Nel frattempo, sciacquate il porro sotto acqua corrente ed eliminate le foglie esterne più dure.
Se utilizzate i piselli in lattina, scolateli e sciacquateli dal liquido di conservazione.
Trasferite il riso in un pentolino non troppo largo dal fondo spesso,
aggiungete 220 ml di acqua fredda, coprite con un coperchio della misura adeguata e portate a bollore a fiamma media. Fate sobbollire per 5 minuti, poi abbassate la fiamma e portate a cottura per altri 8-10 minuti.
Attenzione: se il padellino fosse troppo largo, il riso e l’acqua si disperderebbero troppo e non riuscireste a proseguire la cottura per il tempo indicato.
Una volta cotto il riso, lasciatelo riposare nel padellino, sempre coperto per 10 minuti.
Nel frattempo, versate l’olio di sesamo in una padella, aggiungete il porro e i piselli ed infine il riso. Insaporite con l’aceto e fate saltare a fiamma media fino a che il riso tenda a seccarsi e a formare una crosticina sul fondo.
Regolate di sale a piacere.
Preparate un uovo all’occhio di bue facendolo cuocere un attimo in più in modo che il tuorlo sia parzialmente rappreso.
Impiattate e servite tiepido o freddo.

Precedente Crepes di farina gialla e wakame Successivo Polpette amaranto e semi di papavero

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.