Minestrone con cavolo nero e legumi

Il minestrone con cavolo nero e legumi sa di campagna, di lavoro manuale, di fatica e di attese per il raccolto. Di primo piatto caldo e dai profumi intensi.

minestrone con cavolo nero

Nel campo mezzo grigio e mezzo nero
Resta un aratro, senza buoi, che pare
Dimenticato, tra il vapore leggero.
E cadenzato dalla gora viene
Lo sciabordare delle lavandare
Con tonfi spessi e lunghe cantilene:
Il vento soffia e nevica la frasca
E tu non torni ancora al tuo paese!
Quando partisti come son rimasta!
Come l’aratro in mezzo alla maggese.

[G: Pascoli – Lavandare]

MINESTRONE CON CAVOLO NERO E LEGUMI
( per 6 piatti abbondanti)

100 gr fagioli rossi secchi

80 gr cicerchie secche

150 gr cipolla

450 gr patate con la buccia

180 gr carote

1 cucchiaio colmo dado vegetale

3 cucchiai olio extravergine di oliva

1 spicchio di aglio

160 gr cavolo nero

2 l abbondanti acqua calda

Il giorno prima mettete in ammollo i legumi: io li ho tenuti per 18 ore cambiando acqua a metà e levando la schiuma.
Scolate i legumi, sciacquateli sotto acqua corrente. Tenete da parte.
Mondate le carote, sbucciate la cipolla e l’aglio e metteteli in un mixer.
Riducete a trito finissimo.
Sciacquate le patate e tagliatele a pezzi non troppo grossi.
Fate rosolare le verdure in una pentola capiente con l’olio.
Aggiungete il cavolo nero tagliato grossolanamente a coltello.
Versate l’acqua calda e i legumi.
Fate cuocere per 1 ora e mezza SENZA AGGIUNGERE IL DADO.
Aggiungete il dado vegetale e portate a cottura.
Io ho lasciato per circa 2,5 ore in modo che anche i fagioli fossero cotti e le cicerchie semi disfatte.
Servite ben caldo con taralli o crostini.

Nota bene: avendo aggiunto i legumi al minestrone, ho preferito evitare di partire con un brodo già salato. Il sale come si sa tende ad indurire la buccia e la polpa se il legume non è almeno a metà cottura.

Precedente Gnocchi di zucca al burro fuso Successivo Penne con melanzane speziate e scamorza di capra

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.