Brioche all’acqua

Queste brioche piccole e soffici sono senza uova, nè burro, nè latte, quindi indicate a chi segue un regime vegano o a chi preferisce un dolce leggero da farcire a piacere.

briocheTempo fa ho incontrato in Facebook una blogger carinissima,
il suo blog si chiama In cucina col cuore e lei è Laura.
Fatevi un giro per conoscerla meglio e scoprirete i trucchi per una meringa perfetta,
il gelato senza gelatiera, il tutorial per i biscotti decorati,
e tanti suggerimenti per piatti salati, e divertenti aneddoti di famiglia.
Lei si descrive così:
“Studentessa. Una passione sfrenata per la cucina. Pochi amici. Tante rinunce. Che a volte pesano. L’incapacità di dire di no a chi ti chiede una mano. La testardaggine. Un cuore grande, dicono. Il desiderio di arrivare in alto. L’ambizione. Le critiche. La voglia di migliorare. Mille pensieri. Mille paure. Ma posso farcela. Ho iniziato anche da qui. Questo blog sono io…
la libertà di essere me stessa 🙂 “

E quindi, quale miglior ricetta da proporre per il suo blog compleanno che delle brioche che sfidano la legge delle briosche: senza burro, senza uova, senza latte. Con delle rinunce che non pesano. Sono tanto leggere che una non basta, ottime da sole e buonissime farcite con marmellata o crema di nocciole. Perchè le ho deedicate a Laura? Perchè sono dolci ma non stucchevoli, alternative e sperimentali ma legate alla tradizione come è il suo blog, perchè sono sane ma con tanto gusto e la farina che ho utilizzato non è la solita 00, ma la più grezza farina 1.

La ricetta originale delle briosche la trovate nella Trattoria da Martina.

BRIOCHE ALL’ACQUA
( per 8 pezzi)

250 gr farina 1

125 ml latte di riso
( o acqua)

2 gr lievito secco per panificazioni

100 gr zucchero di canna

30 ml olio di semi

semi di mezza bacca di vaniglia

un pizzico di sale

zucchero a velo

Fate intiepidire il latte, aggiungetevi la vaniglia, il lievito e un cucchiaino di zucchero tolto dal totale. Setacciate la farina in una ciotola, aggiungete il latte e cominciate ad impastare.
Quando sarà quasi del tutto assorbito, inserite lo zucchero e infine il sale e l’olio.
Una volta che l’olio è stato ben assorbito, spostate l’impasto su una spianatoia,
ripiegatelo più volte su se stesso sbattendolo sulla spianatoia per favorire lo sviluppo del glutine.
Aiutandovi con un tarocco, fate rotolare l’impasto sulla spianatoia e tiratelo verso di voi
fino a che la palla non diventi lucida, compatta e liscia.
Rimettete nella ciotola, coprite con pellicola e fate lievitare fino al raddoppio al riparo da sbalzi di temperatura.
( Nel mio caso ha impiegato circa 3 ore).
Riprendete l’impasto, infarinate il piano e stendetelo ad uno spessore di 2-3 mm in forma tonda. Per facilitarvi il compito, potete utilizzare anche gli appositi tappetini di silicone
con già tracciate le sagome dei cerchi di vario diametro.
Ricavate otto spicchi e arrotolateli partendo dal lato lungo in modo da ottenere dei cornetti.
Disponeteli distanziati su una teglia e lasciate lievitare ancora per 15 minuti.
Nel frattempo, portate il forno a 180°C.
Fate cuocere per 15-20 minuti in forno statico.
Sfornate e a piacere spolverate di zucchero a velo quando saranno completamente raffreddate.

Consiglio: appena fatte sono molto soffici, ma tendono a compattarsi facilmente. Quindi, se prevedete di non mangiarle tutte subito, conservatele in un sacchetto ben chiuso.

brioche

brioche

“Con questa ricetta partecipo al contest di InCucinaColCuore: Visto&rifatto”

brioche

Precedente Pane con prefermento Successivo Muffin allo yogurt con glassa

4 commenti su “Brioche all’acqua

  1. Ho visto solo ora il messaggio sul blog e sono venuta subito a vedere! Grazie di aver provato questa ricetta e grazie della citazione! Bella l’idea di fare delle briochine

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.