Gnocchi di spinaci ripieni

Gli gnocchi di spinaci ripieni contengono tante verdure e formaggio per un primo piatto sano e dal cuore filante.

gnocchi di spinaci

Mantenere una dieta equilibrata e ricca di verdure a volte è davvero complicato.
Per pigrizia o per troppi impegni si rischia di cadere in tentazione ed acquistare i primi piatti già pronti, magari con quel contorno filante di dubbia provenienza!
Questi gnocchi ripieni sono davvero veloci da preparare, soprattutto se si utilizzano le spinaci surgelate, e golosissimi dal ripieno di formaggio.
Io ho preferito condirli semplicemente con del burro fuso, ma se volete sono ottimi anche con del sugo di pomodoro e aromi.

GNOCCHI DI SPINACI RIPIENI
( per due persone)

100 gr spinaci
( potete utilizzare anche quelle surgelate)

1 uovo ( ca 60 gr)

70 – 80 gr farina integrale

noce moscata qb

60 gr mozzarella di capra
( con caglio microbico)

burro

Fate lessare gli spinaci in poca acqua.
Se utilizzate quelli surgelati, fateli bollire per 4-5 minuti al massimo, poi scolate e strizzate bene.
Se utilizzate quelli freschi, sciacquateli sotto l’acqua e appena saranno teneri scolateli.
Fate intiepidire.
Nel frattempo, spezzettate la mozzarella di capra in piccoli pezzi consoni alla dimensione degli gnocchi: i miei erano molto piccoli quindi ho ridotto quasi in stracciatella il formaggio.
Riunite nel mixer le spinaci, l’uovo, la noce moscata e frullate bene.
Trasferite in una ciotola e aggiungete a poco a poco la farina.
La mia era integrale e molto grossolana, regolatevi con la vostra.
L’impasto che dovete ottenere è morbido, malleabile e facilmente gestibile.
Ora, ricavate una pallina grande come una nocciolina, appiattitela leggermente sul palmo della mano, nel centro ponete un pezzetto di mozzarella e chiudete.
Cercate di sigillare il meglio possibile la pallina.
Ripetete fino ad esaurimento dell’impasto.
Fate bollire una pentola alta, lessate gli gnocchi: quando vengono a galla sono pronti.
Conditeli con burro fuso.

Precedente Ponce al melograno ( ricetta alcolica) Successivo Pizza margherita a lunga lievitazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.