Tortino cioccolato e peperoncino

Questo tortino dovrebbe essere VM14, ma non preoccupatevi se volete prepararlo per i vostri figli: togliete il peperoncino e usate un cioccolato meno amaro.

tortino

Per la ricetta bio della settimana, mi sono ispirata ad una delle mie scrittrici preferite:
tal Isabel Allende che in uno slancio d’affetto verso la cucina, la passione e il risveglio dei sensi, ha scritto il libro ‘Afrodita. Racconti, ricette e altri afrodisiaci’.
Non che negli altri libri non avesse parlato di cucina, anzi.
Ma questo è particolare, perchè non è un romanzo ma una .. chiacchierata a cuore aperto sui suoi gusti culinari e non solo.
La Allende fornisce una serie di indicazioni sulle proprietà di alcuni alimenti e ricette correlate, rubate quà e là: dalle pere ubriache, all’habanera di gamberi, dalle ciliegie alle diverse salse di accompagnamento per finire con le bevande.
Da quì deriva la mia accoppiata: cioccolato amaro e peperoncino.
Ecco come li descrive:

‘ Il cioccolato, o cibo degli dei.. dà dipendenza, è eccitante come il caffè, ma possiede anche un valore simbolico nei rituali del corteggiamento..Il sapore, così amato in Europa e in America, non lo è altrettanto in Asia e in Africa. In un viaggio all’interno dell’India non riuscii a trovare del cioccolato e l’astinenza fu talmente dolorosa che ora capisco il dramma dei tossicodipendenti.. Il peperoncino piccante è universalmente considerato un afrodisiaco, in particolare quello rosso e dal sapore piccante.. è il fiero elemento di tutti quei piatti esotici che lasciano la bocca in fiamme..’

Ora, seguendo le sue osservazioni ho concluso che:
se mai dovessi andare in Asia o in Africa mi porterò una bella scorta di cioccolato o rischio di soffrire di crisi di astinenza;
questo tortino dovrebbe essere VM14, ma non preoccupatevi se volete prepararlo per i vostri figli: togliete il peperoncino e usate un cioccolato meno amaro.

tortino (2)

TORTINO FONDENTE AL PEPERONCINO
(per 4 persone)

Per il tortino

70 gr cioccolato fondente organic 92%

30 gr cacao amaro
+ altro per gli stampini

30 gr zucchero di canna

30 gr farina 0

20 gr fecola di patate

30 gr olio al peperoncino biologico

6 gr lievito per dolci

140 ml latte vegetale

Per il cuore bianco

125 ml latte vegetale

30 gr olio al peperoncino biologico

15 gr fecola di patate

30 gr zucchero di canna

Per prima cosa preparate la crema. Riunite in un pentolino piccolo gli ingredienti per la crema, miscelateli bene e ponete su fuoco basso mescolando in continuazione fino a che comincerà ad addensarsi.
Ci vorranno pochi minuti. Non fate addensare troppo.
Togliete dal fuoco, fate intiepidire, versate negli stampini da ghiaccio e mettete in congelatore per almeno un paio di ore.
Badate che le forme siano più piccole dello stampino che andrete ad utilizzare per il tortino,
o il cuore si spargerà per tutto il pirottino!
( Non avendo gli stampini per il ghiaccio della giusta dimensione, io ho utilizzato la confezione in plastica di una scatola di cioccolatini).

Quando la crema si sarà solidificata  completamente, cominciate a preparare il tortino.
Accendete il forno a 180°C.
Preparate gli stampini ricoprendoli con margarina ( o olio) e abbondante cacao amaro.
Fate fondere il cioccolato fondente a bagnomaria. Levate dal fuoco e fate riposare.
In una ciotola setacciate farina, fecola, zucchero, cacao e lievito.
Versate il latte e l’olio in un colpo solo e mescolate con una frusta per sciogliere i grumi.
Unite il cioccolato fuso e amalgamate: la consistenza dovrebbe essere simile a quella di una mousse fredda.
Mettete un cucchiaio di impasto per ogni stampino, appoggiate un cubetto di crema bianca e ricoprire con il restante impasto.
Infornate in forno già caldo per 8-10 minuti al massimo.
Sfornateli appena vedete che la superficie perde lucidità o diventeranno mini soufflè 🙂
Servite immediatamente così si sprigionerà tutto il sapore del cioccolato e del peperoncino.
Ma se per caso doveste farli raffreddare, saranno comunque ottime mousse piccanti!

PS Vi avanzerà della crema: tenetela in congelatore e mettetela nel caffè come correzione al posto della panna: è vegana, dolce e darà un sapore del tutto nuovo al vostro caffè!

Precedente Dado vegetale Successivo Tajine di agnello e patate

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.