Lo scorso anno, le prime settimane del mese di settembre hanno riempito i miei occhi di indimenticabili scenari e la pancia di cibo delizioso.
I regali che ti può fare l’isola farfalla, Favignana, sono preziosi e da custodire gelosamente nel cuore.
La mattina con gli occhi ancora un po’ stropicciati dal sonno e le bici sgangherate prese in noleggio si partiva per pedalate che fiancheggiavano la costa in cerca di spiaggette, calette, lidi e faraglioni per godere di sole, relax e di un mare indimenticabile.
Al ritorno, dopo tanto girare, la cena era una vera e propria coccola da godersi comodamente seduta ai tavoli di deliziosi localini ancora affollatissimi che proponevano altrettanti deliziosi piatti sul menù tra cui era davvero complicato arrivare alla scelta finale per le ordinazioni.
Tra polpette alla favignanese, panelle, busiate, caponate, insalate di tonno sono anche arrivati degli spaghetti alle vongole con pesto di pistacchi…il più buon pesto di pistacchi che abbia mai mangiato in vita mia!

Ecco allora che la giornata delle Salse pestate celebrata dal Calendario del Cibo Italiano, degne sorelle del celeberrimo pesto, cade davvero “a fagiulo” in questo periodo fatto di nostalgici ricordi in cui mente e cuore viaggiano veloci a un anno fa facendomi sospirare.

Calendario cibo italiano banner

Nella ricetta che vi propongo di quello strabiliante piatto di spaghetti è rimasto solo un profumatissimo e aromatico pesto di pistacchi che ha avvolto gnocchi malfatti al tè verde Matcha che grazie al loro retrogusto leggermente “erboso” e amarognolo ben si sposano con la tipica dolcezza delle zucchine e delle mazzancolle fresche appena saltate in padella vi faranno portare in tavola un primo terra e mare davvero capace di stupire.

Gnocchi al tè verde Matcha con pesto di pistacchi, zucchine e mazzancolle

Li prepariamo insieme?


INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
500 gr. di patate
150 gr. di farina 0
1 cucchiaino di tè verde Matcha
1 cucchiaino di sale fino
300 gr. di pistacchi non salati
50 gr. di basilico
1/2 spicchio di aglio
1 limone non trattato
10 pomodorini
2 zucchine
20 mazzancolle
olio extra vergine di oliva q.b.

Sgusciare i pistacchi e sbollentarli in abbondante acqua per un paio di minuti in modo che la pellicina che li rivesta si ammorbidisca.
Scolarli e eliminare la pellicina esterna.
Schiacciare in mortaio l’aglio con qualche cucchiai di olio extra vergine di oliva e il sale fino a ottenere un composto cremoso.
Aggiungere i pistacchi, il basilico e la scorza del limone.
Pestare il tutto aggiungendo olio extra vergine di oliva a filo per ottenere una salsa granulosa ma ben legata.
In una padella capiente, dopo aver fatto scaldare qualche giro di olio extra vergine di oliva, saltare  per qualche minuto a fiamma vivace le mazzancolle con le zucchine tagliate a listarelle e i pomdorini a metà.
Cuocere a vapore le patate con la buccia per il tempo necessario a renderle morbide.
Farle raffreddare leggermente e poi schiacciarle su una spianatoia di legno leggermente infarina con lo schiaccia patate.
Aggiungere la polvere di tè verde Matcha, la farina 0 e impastare fino a ottenere un composto modellabile e di un bel colore verde uniforme.
Mettere l’impasto su un tagliere di legno e far cadere in abbondante acqua bollente salata piccole quantità di composto aiutandosi con un cucchiaino leggermente bagnato.
Cuocere gli gnocchi malfatti al tè verde Matcha per il tempo necessario a farli riaffiorare a galla e scolarli con l’ausilio di una schiumarola.
Aggiungere gli gnocchi malfatti in padella, saltare tutto per qualche istante e una volta spento il fuoco unire il pesto di pistacchi amalgamando per bene.
Servire gli gnocchi malfatti al tè verde Matcha caldi guarnendo con qualche pistacchio tritato grossolanamente, foglie di basilico fresco e un filo di olio extra vergine di oliva a crudo.

1 Commento su Gnocchi malfatti al tè verde Matcha con pesto di pistacchi, zucchine e mazzancolle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.