La parola “galette” nell’immaginario comune è associata d’abitudine alla classica crepe bretone di grano saraceno mentre per i paesi anglosassoni la galette rustica è in realtà una torta, dolce o salata, preparata però senza l’aiuto di uno stampo.
La pasta si stende direttamente sulla carta forno per poi racchiudersi attorno a una farcia fatta di stagioni, ingredienti amati e profumi inebrianti.
Una preparazione che di per sè, nella sua piacevole imprecisione, non pretende nulla ma che una volta sfornata racchiude tutta la semplicità delle cose buone fatte in casa che ti riempiono la pancia e il conforto di quel ci rassicurante che ti scalda il cuore.

Era da tempo che avevo davvero voglia di portarne una in tavola e così, quasi fuori tempo massimo, ho deciso di prepararla per un delizioso contest che celebra tanti ingredienti che amo visceralmente.
Un’ode al bosco e a tutte le preziose meraviglie che ci offre in dono da “tessere” in cucina con alcuni degli ingredienti che meglio lo rappresentano.
Rustica e vera come una passeggiata nelle quiete genuina di un bosco tinto dall’autunno di quelle calde tonalità da cui farsi pervadere gli occhi la mia galette mescola il sapore dolce di cipolline, zucca e miele di acacia alle note piccanti del provolone valpadana e al gusto “grezzo” delle farine integrali del guscio di pasta.

PER 4 PERSONE:
per la pasta:
150 gr. di farina integrale 
50 gr. di farina integrale per polenta istantanea 
120 ml. di acqua fredda
40 ml. di olio extra vergine di oliva
2 pizzicotti di sale integrale

per il ripieno:
5 fette di zucca delica
20 cipolline Borettane
2 cucchiaini di miele millefiori o di acacia
120 gr. di provolone valpadana D.O.P. piccante
20 gr. di nocciole
olio extra vergine di oliva q.b.
sale integrale q.b.
pepe nero q.b.

galette rustica intera

Versare in una ciotola le farine.
Aggiungere un pizzico di sale l’olio extra vergine di oliva e l’acqua naturale fredda.
Impastare fino ad ottenere un panetto compatto ed elastico.
Far riposare il panetto di pasta in frigorifero per circa mezz’ora avvolto nella pellicola trasparente.
Nel frattempo sciacquare le cipolline Borettane sotto acqua corrente e metterle a stufare in padella con olio extra vergine di oliva, sale e qualche cucchiaio di acqua per circa venti minuti.
Trascorso questo tempo aggiungere la zucca tagliata a fette sottili (2/3 millimetri e con la buccia), due cucchiaini di miele e aggiustare di sale.
proseguire la cottura per altri dieci minuti circa. Cuocere la galette rustica in forno preriscaldato a 180 gradi per circa venticinque/trenta minuti.
Mentre il ripeno delle galette rustica raffredda tagliare a fette sottili il provolone e tritare grossolanamente le nocciole.
Su un foglio di carta forno leggermente oleato (sistemato su una teglia) stendere la pasta fino a ottenere un disco di circa 25 centimentri di diametro.
Avendo cura di lasciare un bordo di circa 3 centimetri coprire la pasta con i 2/3 del provolone affettato, aggiungere il ripieno terminando poi con il formaggio rimasto e le nocciole tritate.
Ripiegare sul composto il bordo senza preoccuparsi di essere troppo precisi perchè il bello della galette ruistica è proprio questo.
Cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per circa trenta minuti.
Sfornare la galette rustica e farla riposare per qualche minuto.
Completare con una spolverizzata leggera di pepe nero e un altro po’ di miele di acacia.

Galette rustica fetta tagliataGalette rustica dettaglio

Con questa ricetta partecipo al contest “Il bosco in cucina”.
Betulla blogLocanda i 2 camini

Il bosco in cucina banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.