Crea sito

Riso e Risotti

Crema di broccoli con riso pilaf, ricetta light.

Crema di broccoli con riso pilaf: una ricetta dietetica che permette, però, di portare in tavola un primo piatto ricco di gusto e cremosità.
…chi l’ha detto che la leggerezza non debba appagare vista e, soprattutto, palato?!

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
200 gr. di riso basmati
400 gr. di broccoli
1 cipolla bianca
1 spicchio di aglio
250 ml. di acqua
8 cucchiai di latte
olio extra vergine di oliva q.b.
sale q.b.
2 chiodi di garofano

Pulire i broccoli e tagliarli a cimette molto piccole.
In una padella scaldare un filo di olio extra vergine di oliva e aggiungere uno spicchio di aglio per farlo insaporire.
Aggiungere le cimette di broccolo e saltarle a fuoco vivace per qualche minuto aggiungendo un pizzico di sale.
Cuocere i broccoli per circa quindici minuti aggiungendo qualche cucchiaio di acqua calda.
Mentre i broccoli cuociono, preparare il riso pilaf facendo scaldare in una casseruola un filo di olio extra vergine di oliva.
Una volta che l’olio sarà ben caldo, aggiungere la cipolla bianca intera, i chiodi garofano, un po’ di sale e il riso basmati.
Tostare il tutto per qualche istante e poi aggiungere l’acqua calda.
Cuocere il riso per circa quindici minuti a fiamma dolcissima e coperto controllandolo e scuotendolo in modo che non si attacchi di tanto in tanto (senza mai mescolare però).
Una volta cotto far riposare il riso pilaf per cinque minuti.
Intanto frullare con il latte i broccoli (tenendo qualche cimetta da parte per l’impiattamento) fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea.
Riempire quattro stampini monoporzione con il riso pilaf schiacciandolo e compattandolo per bene con l’aiuto di un cucchiaio leggermente bagnato (per evitare che il riso si appiccichi).
Versare a specchio la crema di broccoli sul fondo di quattro piatti piani e sformare gli stampini su ognuno di essi.
Decorare con qualche cimetta di broccolo tenuta da parte e un filo di olio extra vergine di oliva a crudo.
Servire la crema di broccoli con riso pilaf ben calda.
Alcuni consigli e varianti: la crema di broccoli può essere sostituita con crema di cavolfiore o broccolo romanesco, il riso basmati può essere sostituito da riso venere o riso integrale, per conferire una sferzata in più al piatto è possibile aggiungere un pizzico di peperoncino, la crema di broccoli può essere consumata anche come semplice minestra/vellutata accompagnata da crostini e può essere utilizzata per condire la pasta (preferibilmente integrale).
Crema di broccoli con riso pilaf, ricetta light.Crema di broccoli con riso pilaf, ricetta light.

Risotto agli spinaci cremoso, ricetta delicata.

Risotto agli spinaci: una ricetta davvero delicata per portare in tavola un primo piatto cremoso dal gusto “avvolgente” e dal colore intenso.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
320 gr. di Carnaroli
320 gr. di spinaci surgelati
1 cipollotto
brodo vegetale q.b.
4 cucchiai di latte
50 gr. di parmigiano reggiano
50 gr. di pinoli
olio extra vergine di oliva q.b.
sale q.b.

In una padella scaldare un filo di olio e poi aggiungere gli spinaci con un po’ di sale.
Quando gli spinaci risulteranno ben cotti frullarli al mixer con il latte fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea.
In un altro padellino antiaderente tostare i pinoli.
Tritare finemente il cipollotto e farlo rosolare in una casseruola con un filo di olio, un pizzico di sale e un po’ di acqua tiepida per evitare che bruci.
Quando il cipollotto sarà ben rosolato aggiungere il riso e tostarlo per qualche minuto.
Iniziare ad aggiungere il brodo vegetale caldo, poco alla volta, mescolando solo di tanto in tanto il riso.
Circa a metà cottura del riso aggiungere la crema di spinaci e proseguire la cottura ricordando che questo risotto dovrà risultare piuttosto all’onda.
Quando il risotto agli spinaci sarà cotto mantecarlo con il parmigiano, a fuoco ormai spento, e aggiungere metà dei pinoli precedentemente tostati mescolando per bene.
Impiattare il risotto agli spinaci guarnendolo con i restanti pinoli tostati.
E’ possibile arricchire questo risotto agli spinaci con brie o taleggio per conferirgli un gusto molto più deciso; sostituire i pinoli con scaglie di mandorle tostate; usare le erbette o le bietole al posto degli spinaci; sostituire i quattro cucchiai di latte con due cucchiai di ricotta; sostituire il latte con un po’ di brodo vegetale e il parmigiano con lievito di birra a scaglie se avete a tavola un vegano.
Un suggerimento alle mamme: sfruttate il colore intenso e divertente di questo risotto agli spinaci per inventare fantastiche storie che possano invogliare i vostri bimbi a mangiarlo e a farsi, così, una bella scorpacciata di verdure. …perchè le verdure sono ottime alleate della salute e del benessere!

Risotto alla barbabietola, ricetta insolita.

Il risotto alla barbabietola è un primo piatto davvero insolito e originale.
Ideale per stupire i propri ospiti o, semplicemente, per far mangiare un ortaggio molto salutare che non capita di servire spesso in tavola… Questo risotto alla barbabietola non vi deluderà.

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE:
320 gr. di carnaroli
200 gr. di barbabietola rossa già cotta al forno
1 cipolla bianca
brodo vegetale caldo q.b.
8 cucchiai di latte tiepido
40 gr. di parmigiano reggiano grattuggiato
olio extra vergine di oliva q.b.
sale q.b.
pepe nero q.b.

Tagliare la barbabietola (in commercoio ormai esistono ottime barbabietole rosse cotte al forno già pronte e conservate sottovuoto) a pezzetti.
In un pentolino far intiepidire leggermente il latte.
Frullare al mixer la barbabietola con il latte tiepido fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea (non devono rimanere pezzetti).
Tenere la crema di barbabietola da parte.
Tritare finemente la cipolla.
Far scaldare un po’ di olio e quando è ben caldo aggiungere la cipolla tritata e un pizzico di sale.
Far rosolare per circa cinque minuti aggiungendo un po’ di brodo vegetale caldo.
Quando la cipolla è ben stufata (deve essere diventata morbida e trasparente) aggiungere il riso e tostare per qualche minuto.
Iniziare ad aggiungere il brodo vegetale, poco alla volta, mescolando tutto di tanto in tanto (ma non troppo).
Circa a metà cottura del riso aggiungere la crema di barbabietola (se invece si desidera  un risotto alla barbabietola di un intenso color viola/fuxia aggiungere la crema solo due/tre minuti prima del tempo di cottura previsto).
Portare a termine la cottura del risotto alla barbabietola continuando ad aggiungere brodo vegetale all’occorrenza e mescolando solo ogni tanto.
Quando il risotto alla barbabietola è cotto spegnere il fuoco e mantecare con il parmigiano reggiano.
Lasciar riposare per qualche minuto coperto.
Impiattare il risotto alla barbabietola spolverizzandolo con un altro po’ di parmigiano reggiano e pepe nero macinato fresco.
E’ possibile arricchire il risotto alla barbabietola con fiocchetti di gorgonzola dolce o brie durante la mantecatura (diminuendo un po’ la quantità di parmigiano reggiano) oppure con petali di raspadura subito prima di servire in tavola.

Riso pilaf alle verdure.

Il riso pilaf alla verdure è un ottimo primo piatto per portare in tavola gusto e leggerezza.
La leggerezza del riso pilaf e il gusto delle verdure arricchite con spezie e aromi creano un piatto davvero piacevole da gustare.
Naturalmente potrete unire a questo riso pilaf le verdure che più vi piacciono e che sono più facilmente reperibili a seconda della stagione e le vostre spezie preferite.

…questa ricetta è stata cucina dal mio “moroso” (autore di tante delle foto presenti su questo blog).

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:
160 gr. di riso basmati o thai
320 ml. di acqua calda
1 zucchina
1 peperone rosso (non troppo grande)
1 peperone giallo (non troppo grande)
1/2 porro
1/2 cipolla
olio extra vergine di oliva
2 chiodi di garofano
trito di erbette essiccate (rosmarino, basilico, prezzemolo, alloro, foglie di sedano)
pepe nero, pepe rosa, pepe bianco e pepe verde q.b.
sale fino e sale grosso q.b. 

Tagliare le zucchine a rondelle e i peperoni a pezzetti.
Tritare finemente il porro.
In una padella far scaldare un po’ di olio extra vergine di oliva e aggiungere il porro e un po’ di sale.
Stufare il porro per qualche minuto aggiungendo qualche cucchiaiata di acqua per evitare che si bruci.
Aggiungere le verdure e cuocerle per una decina di minuti in modo che rimangano croccanti e mantengano un bel colore vivace.
Insaporire le verdure con un trito di erbette aromatiche essiccate e tritate finemente.
In un pentolino antiaderente scaldare un filo d’olio, aggiungere mezza cipolla bianca con due chiodi di garofano infilati dentro e il riso tostando il tutto per qualche minuto.
Aggiungere al riso tutta l’acqua calda e un pizzico di sale grosso.
Quando l’acqua avrà raggiunto il bollore cuocere il riso per circa dieci minuti, a fuoco dolcissimo, coprendolo con un coperchio e senza mai mescolare (controllare solo di tanto in tanto che il riso non si attacchi scuotendo leggermente il pentolino).
Quando l’acqua sarà del tutto consumata e il riso cotto spegnere il fuoco e far riposare per cinque minuti.
Aggiungere il riso alle verdure e saltare per meno di un minuto.
Servire il riso pilaf alle verdure caldo e con un’abbondante macinata di pepe (nero, bianco, rosa  e verde).


Risotto ai funghi porcini e zafferano.

Il risotto ai funghi porcini e zafferano è un classico primo piatto della tradizione italiana ideale per il periodo autunnale ormai alle porte.
Il gusto inconfondibile dei funghi porcini si sposa benissimo con lo zafferano rendendo questo risotto irresistibile.
Ovviamente è possibile preparare il piatto senza lo zafferano anche se, personalmente, credo che dia davvero un tocco in più a questo risotto ai funghi.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
320 gr. di Carnaroli (io uso GliAironi)
350 gr. di funghi porcini
1 cipolla bianca
1 spicchio di aglio
2 bustine di zafferano
brodo vegetale q.b.

40 gr. parmigiano
2 noci di burro
sale q.b.
olio e.v.o.

prezzemolo tritato q.b.
pepe nero q.b.

Con un panno umido pulire per bene i funghi porcini.
Dopo averli puliti tagliare i gambi a dadini e le cappelle a fettine sottili.
In una padella antiaderente far scaldare un po’ di olio e poi aggiungere i funghi porcini e uno spicchio di aglio.
Saltare i funghi porcini per massimo dieci minuti aggiungendo a metà cottura un po’ di sale.
In un’altra pentola scaldare dell’olio e quando sarà ben caldo aggiungere la cipolla tritata e un pizzico di sale.
Far stufare la cipolla aggiungendo un po’ di acqua per evitare che si bruci.
Quando la cipolla sarà ben stufata versare il riso e cominciare ad aggiungere un po’ di brodo vegetale.
A metà cottura aggiungere al risotto lo zafferano stemperato in un po’ di brodo caldo.
Proseguire la cottura del riso continuando ad aggiungere il brodo vegetale quando necessario (senza mescolare troppo).
A circa cinque minuti dalla fine della cottura del risotto aggiungere i funghi porcini.
Una volta cotto togliere il risotto ai funghi dal fuoco e procedere alla mantecatura con burro e parmigiano.
Lasciar riposare il risotto ai funghi porcini e zafferano e, solo prima di impiattare, aggiungere un po’ di prezzemolo tritato.
Impiattare il risotto ai funghi porcini e zafferano ben caldo e spolverizzare con una macinata di pepe nero.

Per questo risotto ai funghi porcini e zafferano ho usato il Carnaroli dell’aziena GliAironi.