Crea sito

Ricette vegetariane

Tartufi di quinoa con toma fresca e basilico per #sedici.

Sei foodblogger si riuniscono con un libro di cucina (“La grammatica dei sapori” di Niki Segnit) che parla di famiglie di sapori e nasce “#sedici – l’alchimia dei sapori“; un contest/progetto interessante e innovativo che ogni mese prenderà in considerazione una delle famiglie di sapori suggerite dalla Segnit e i suoi innumerevoli possibili “matrimoni”.
Il secondo appuntamento di #sedici propone alle alchimiste dei sapori la Famiglia dei caseari (#sedici_caseari) con una lunga lista di possibili e suggestivi abbinamenti.
Io ho deciso di scegliere il Formaggio fresco dal momento che i miei gusti sono orientati al sapore delicato del buon latte poco stagionato e alle consistenze morbide e cremose.
Per quel che riguarda l’abbinamento la mia scelta è immediatamente ricaduta sul basilico perchè ho da subito pensato che potesse andare ad aggiungere un ulteriore sentore di freschezza con il suo inconfondibile gusto e il suo piacevolissimo profumo.
…e così dall’abbinamento Formaggio fresco & Basilico sono nati dei piccoli tartufi di color bianco candido, leggermente screziati di verde che grazie alla loro freschezza e al loro profumo ad ogni assaggio fanno pensare ai raggi di sole, al tepore e al cielo blu della bella stagione di cui forse un po’ tutti iniziamo ad avere bisogno.
Nello specifico ho scelto una toma fresca artigianale di un piccolo caseificio piemontese scoperto da poco e brillanti minute foglie di basilico; al tutto ho aggiunto un po’ di quinoa per poter conferire alla cremosità dei tartufi una lieve consistenza “croccante”.

INGREDIENTI PER 12 TARTUFI:
100 gr. di toma fresca
2 cucchiaini di basilico fresco tritato
70 gr. di quinoa
20 gr. di Grana Padano
olio extra vergine di oliva q.b.
sale q.b.
pepe nero q.b.
*per accompagnare:
misticanza q.b.
granella di pistacchi q.b.
maionese di pomodorini q.b.

Tartufi di formaggio

(altro…)

Melanzane ripiene di verdure.

Lo scrigno di un “tesoro” colorato e gustoso prezioso alleato della nostra salute.
Semplici e scenografiche.
Profumate e golose.
Sto parlando delle melanzane ripiene di verdure.
Seguitemi in cucina e prepariamole insieme.

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:
1 melanzana viola scuro
1 zucchine grande
1 piccola cipolla
1 pomodoro medio (la polpa)
2 fette di pane casareccio integrale o ai cereali
1 cucchiaio abbondante di Grana Padano
olio extra  vergine di oliva q.b.
sale q.b.
pepe nero q.b.
basilico fresco q.b.

Melanzane ripiene di verdure

(altro…)

Insalata di riso venere con pomodorini e melone all’erba cipollina, ricetta primo piatto estivo.

L’insalata di riso venere con pomodorini e melone all’erba cipollina è un primo piatto fresco e leggero ideale per la stagione estiva.
Dall’abbinamento insolito, vi consiglio di provare questa insalata di riso per scoprire come in realtà gli ingredienti si sposino alla perfezione in un piacevolissimo connubio di sapori.
Questo piatto è ideale per un pranzo al sacco o in ufficio e, se servito in piccole coppette, un colorato e piacevole aperitivo per uuna cena all’aperto tra amici.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
320 gr. di riso venere
20//25 pomodorini
6 fette di melone
2 cucchiai di erba cipollina fresca tritata
olio extra vergine di oliva q.b.
sale q.b.

(altro…)

Pennette integrali ai broccoli, ricetta del benessere.

Le pennette integrali ai broccoli sono un primo piatto all’insegna del gusto ma soprattutto della salute.
Un primo piatto ricco di fibre (fornite dalla pasta integrale) e di vitamine (i broccoli contengono una buona quantità di vitamina C e anche vitamina A).
Un primo piatto per portare in tavola benessere e salute.
Le pennette integrali ai broccoli sono un piatto ideale per tutti coloro che seguono una dieta vegetariana o vegana dal momento che non prevede l’uso di ingredienti origine animale.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
320 gr. di pennette integrali
500 gr. di broccoli
50/60 gr. di pinoli
olio extra vergine di oliva q.b.
sale grosso q.b
1 spicchio di aglio

Pulire i broccoli e ridurli in cimette piuttosto piccole.
In una padella far scaldare circa quattro cucchiaini di olio e farli insaporire con uno spicchio di aglio.
Togliere lo spicchio d’aglio a aggiungere i broccoli insaporendoli con un po’ di sale grosso.
Saltarli in padella, con l’aggiunta di qualche cucchiaio di acqua, per il tempo necessario a farli ammorbidire.
Una volta cotti, schiacchiare grossolanamente i broccoli con i rebbi di una forchetta.
In un’altra padella antiaderente tostare i pinoli.
In abbondante acqua salata cuocere le pennette integrali.
Scolare la pasta circa un minuto prima del tempo di cottura previsto dalla confezione (tenere un po’ di acqua di cottura da parte).
Versare le pennette integrali in padella a farle saltare per un minuto con i broccoli e un po’ di acqua di cottura per mantecarle per bene.
A fuoco spento aggiungere i pinoli tostati e mescolare per bene.
Servire le pennette integrali ai broccoli ben calde e con una splverizzata di pepe nero macinato fresco.
E’ possibile dare un ulteriore tocco in più a questo primo piatto aggiungendo a fine cottura un’abbondante spolverizzata di pangrattato tostato in padella e sostituendo il pepe nerò con un po’ di peperoncino.

Per questo piatto di pennette ai broccoli ho usato la pasta del pastificio Garofalo.


 

 

Verdure grigliate al salmoriglio.

Il salmoriglio è una salsa tipica della cucina siciliana che viene usata per condire carne, pesce e verdure.
Io oggi ve la propongo in veste di condimento per un bel piatto di verdure grigliate.

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:
1 melanzana grande
1 zucchina grande
2 cucchiai di olio
2 cucchiai di acqua calda
1 rametto di origano fresco
1 cucchiaio di succo di limone
1 spicchio di aglio
sale
pepe

Tagliare a fette la zucchina e la melanza e grigliarle.
Sistemare le verdure grigliate su un piatto da portata.
Preparare il salmoriglio emilsionando l’olio, l’acqua, il succo di limone, il sale, il pepe e l’origano tritato.
Aggiungere all’emulsione uno spicchio di aglio schiacciato e far riposare per una mezz’ora in frigo.
Condire le verdure con il salmoriglio e servirle con una buona robiola (magari di Roccaverano!).