Unica Umbria e le Osterie del Gusto

Gubbio e i suoi tetti
Gubbio e i suoi tetti

 

Ho provato tante volte ad iniziare questo post ma non mi sembravano mai le parole giuste. Il  bello però di essere una food blogger è di avere la libertà piena. Non avendo una redazione che blocca e corregge, sono andata avanti con il fiume dei miei pensieri.

Guardavo le foto e pensavo: “Che magnifica esperienza! Che belle persone! E che bei posti!”. Questa è l’Umbria. Protetta dagli Appennini, non così facilmente accessibile, questa regione è riuscita a conservare il carattere giusto. Abbastanza impervia per essere fuori dalle rotte del grande turismo e salvaguardata dalle orde barbariche dei mordi-e-fuggi si è conservata nel tempo con le sue piazzette, i suoi borghi e le chiese che nascondono perle inaspettate. Le persone poi… quelle meritano un capitolo a parte! Dal gestore della bottega antica alla guida turistica! Pronti a mettere il cuore in ciò che ti mostrano: una vera reliquia del passato che sia un alimento antico o un affresco. Fieri della loro storia, ti immergono in un mondo pieno di profumi ed intensi sentimenti. Riescono a farti sentire i sapori e i significati di epoche passate con uno sguardo o un tono di voce narranti storie di radici di cui essere fieri.

La nostra base è stata Gubbio. Abbiamo alloggiato presso il Relais Ducale prospiciente Piazza Grande. In maniera banale, posso dire che questa cittadina ormai è conosciutissima grazie alla serie di Don Matteo con Terence Hill e tutti hanno una certa familiarità con la sua fisionomia ma passeggiare lì è tutt’altro. I sui primi insediamenti si perdono nella notte dei tempi e tracce dei suoi trascorsi storici impregnano la città dove il tempo sembra essersi fermato. Il Palazzo Ducale, il Palazzo dei Consoli e la Piazza Grande da soli già meriterebbero la visita. La nostra compagnia era  composta da Maria Grazia, deliziosa giornalista romana, Donatello anche lui di Roma che non risparmiava nessuno da serrate domande, Valerio, taciturno veronese sempre in giro per il mondo  a recensire ristoranti stellati, Antonio giornalista traveller che mi ha fatto fare tante risate e Mara la nostra preziosa e minuta accompagnatrice ma una vera forza della natura sempre sorridente e serena, preoccupata solamente di scampare alla pioggia. La nostra guida a Gubbio ed Assisi è stata Alessandra Vincenti, molto preparata e dai racconti vibranti.

In questo tour ci è stato presentato il circuito delle Osterie del Gusto, un progetto volto alla valorizzazione delle produzioni locali della Media Valle del Tevere e dell’Alta Umbria, una ristorazione a filiera corta. L’obiettivo è la creazione di un itinerario gastronomico che metta in rete gli esercizi della ristorazione che propongono menù a base di ricette tradizionali, utilizzando i prodotti agroalimentari tipici dell’area. La prima tappa è stata la Taverna del Lupo di Orvieto che prende il nome dal celebre episodio dei Fioretti di San Francesco di Assisi. Locale molto piacevole dova abbiamo mangiato in piena sintonia con la filosofia delle Osterie del Gusto, sicuramente vale la pena fermarsi.

Il giorno dopo siamo stati a Città di Castello, guidati questa volta da Alberto Carizia, ex pallavolista simpaticissimo e appassionato d’arte oltre a quanto è dovuto dalla sua professione. Ci ha raccontato degli aneddoti sui turisti veramente spassosissimi! Se visitate questa cittadina non potete saltare la Macelleria Giulietti, vero luogo di perdizione dei sensi! Entrando si sente un profumo di buono e lo sguardo verrà catturato da un bancone pieno di delizie, carni pregiate e salumi preparati con amore, spettacolare il lombetto sott’olio di cui ho fatto doverosa scorta.

A pranzo siamo stati in un’altra Osteria del Gusto, la Trattoria Lea. Anche qui pranzo fantastico con tanto tartufo e altri prodotti umbri cucinati nel pieno rispetto della tradizione. Oltre al corpo abbiamo anche nutrito abbondantemente l’anima visitando i principali monumenti, la Tipografia Grifani Donati e il Laboratorio Tela Umbra dove il tempo sembra essersi fermato e gli artigiani e le tessitrici continuano a lavorare con gli stessi strumenti del passato. Abbiamo visitato una scuola Montessori per i figli delle operaie completa di banchi, lavagna e cattedra dell’inizio del secolo scorso. Stupefacente!

Città di Castello è la patria di Alberto Burri (1915-1995) celebre artista e pittore e le sue opere sono esposte presso gli Ex Seccatoi del tabacco, un complesso industriale sorto fra la fine degli anni ’50 e la metà degli anni ’60 del Novecento per l’essiccazione del tabacco tropicale.

Il nostro tour ha proseguito per Montone, e l’associazione mentale con i capitani di ventura è immediata. Andrea Fortebracci, meglio conosciuto come Braccio, diede vita ad uno dei più audaci tentativi di creare nei primi decenni del  XV secolo uno stato forte ed indipendente dal potere dello Stato Pontificio. Delizioso piccolo borgo medievale che abbiamo avuto l’onore di visitare insieme al sindaco Mirco Rinaldi. Per la cena ci siamo fermati da Tipico – Osteria dei Sensi, del quale non posso che parlare bene. Il proprietario il signor Paolo ha sposato pienamente la filosofia delle Osterie del Gusto e anche l’arredamento è umbro fino al caffè. Seleziona le materie prime con perizia e vengono cucinate rispettando i prodotti con un pizzico di creatività. Da non perdere anche per gli olii pregiatissimi! Gli gnocchi al sugo d’oca sono spettacolari! 

Il terzo giorno è stato un po’ impegnativo e Matteo era piuttosto preoccupato dal tour de force culinario che ci aspettava, ma poi ce la siamo cavata alla grande!!! Mattina ad Assisi con le classiche visite alle basiliche, la chiesa di Santa Chiara e la parte romana. A pranzo dal Ristorante Hostaria la Tradizione e poi il rientro a Gubbio dedicato alla manifestazione Quinto Quarto, prima kermesse dedicata ai tagli poveri del vitellone appenninico centrale. Per quinto quarto si intendono tutte le parti dell’animale che restano dopo aver tolto i 2/4 anteriori e i 2/4 posteriori, quindi le interiora, la coda, le guance e in senso più ampio i tagli poveri. Proprio per far conoscere meglio queste carni, sono stati organizzati laboratori del gusto, dimostrazioni di cucina anche per i più piccini, e sono state offerte piccole pillole di sapore e sapere. Abbiamo assistito ad uno show cooking degli chef Luca Sessa e Fabrizio Rivaroli che ci hanno preparato dei “Bocconcini di fegato alla salvia e semi di finocchio con marmellata di cipolle rosse” una vera delizia! Nelle taverne in giro per la città abbiamo infine degustato bollito, polpettone, trippa e panino con la milza. Ed eccoci giunti all’ora di cena!!!

Con piglio eroico ci siamo recati presso “Alla Balestra”. Devo ammettere di avere qualche pregiudizio sui ristoranti pizzeria ma sono stata clamorosamente smentita! Tutto veramente ottimo, dal vino, l’olio il cibo e la cortesia del personale. Nonostante non avessimo certo fame, abbiamo mangiato tutto e anche con una certa avidità!

Dulcis in fundo, la visita della domenica all’ Azienda Agrituristica Villa Dama. Un posto a dir poco incantevole. Il paesaggio sembra uscito dal pennello di Leonardo, colline a perdita d’occhio. Circa 170 ettari di azienda dove si produce di tutto, Vengono allevati secondo il disciplinare biologico, bovini di razza chianina, suini di razza cinta senese e large white, ovini di razza appenninica e tutti gli animali di bassa corte tra cui, oche, anatre, polli, conigli, piccioni, faraone, etc.carni, formaggi. Le carni fresche o i salumi preparati nella norcineria aziendali sono vendute o proposte nel menù dell’agriturismo. Poi grano e quindi pane e pasta, poi olive con tanto di frantoio, vigna e dunque vino, verdure fresche e conservate! Forno a legna con una pizza al testo memorabile. Che dire! Mi sono innamorata di questo posto e delle persone che vi abitano!

Dopo questo ultimo sontuoso pasto, la Compagnia del Vitellone Appenninico si è sciolta! Ognuno di noi ha imparato qualcosa, abbiamo dei ricordi meravigliosi e speriamo di essere in grado di trasmettere la gioia che si prova seguendo questa proposta per un itinerario alla scoperta  delle tradizioni legate allo stile di vita umbro, l’educazione a mangiar sano e visitando posti ricchi di storia e bellezze artistiche.

10632860_10204055762048698_2154714142203888076_n 10712736_10204055761288679_1290386245382465176_n 1483407_10204055760808667_3141671755002553964_n 10801621_10204055759688639_3934789835445544284_n

10340150_10204058511957444_4565741406843656493_n 10702132_10204058671281427_6824310320328587871_n 10411177_10204058670521408_1606190350171746170_n

10628420_10204058468916368_8117242433506101405_n 11102_10204058479436631_4165534346851172733_n 10388559_10204058509357379_76297263318525367_n 10641096_10204058539678137_5550256292362314274_n

10346271_10204058686121798_301010032934052466_n 10411081_10204058684161749_155268025129355264_n 1517541_10204058688441856_7315043305441024724_n

1911777_10204058739883142_332745504950951308_n 1610840_10204058740363154_4937145896290655272_n 1779235_10204058742883217_4053499925343032922_n 10391394_10204058744083247_4578571240078098733_n 1621983_10204058740923168_6887370687335996791_n

1920550_10204060864816264_8443884063352467346_n 63991_10204060866496306_7609143529420992767_n 10406354_10204060867296326_2069651966329845435_n1468737_10204132409564838_2421060261102324311_n10390914_10204063708287349_3679109331328331788_n 10408756_10204063739608132_1349201925287169513_n 10689416_10204063728407852_7169811203125833188_n 10407770_10204063710447403_4677514234788167462_n 1459245_10204064123857738_2963677047454523854_n 10461383_10204064126977816_2008953036284896705_n 10407855_10204064127817837_7941330392791577163_n 10408929_10204065561653682_1621988302042359557_n 10394626_10204065575574030_6430170085172612373_n 10428097_10204065577134069_7727211381009332222_n 10485013_10204071373598977_1002998623046855052_n 10410089_10204071395879534_5178207541997765772_n 10351884_10204071399639628_4877546183705033371_n 8958_10204071396719555_859574391413143514_n 10420007_10204071393959486_3517470815862307812_n 10440735_10204071380599152_4767087459723925287_n 10169463_10204071394759506_862354791787504520_n 1796415_10204071382359196_5867671374632002698_n 10730768_10204071384959261_1779283370644748106_n 1424567_10204063709127370_7643142118101354757_n

UmbriaSi banner osterie del gusto 710_284

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Precedente El chimichurri Successivo Fave e cicoria, la zuppa consolatoria