Ravioli di garofani e viole

“Che il tuo cibo sia la tua unica medicina” Ippocrate di Kos

Devo dire che amo particolarmente usare i fiori nei miei piatti. Sono buoni, profumati e con bei colori accesi, mettono allegria. Ho deciso di cimentarmi nel contest  nazionale “Buon appetito fiorellino”, indetto da AIFBZem Edizioni e dal blog Tre Civette sul Comò

Ho pensato di preparare questi ravioli dalla pasta sottile come petali e farcirli con ricotta e petali, quindi non solo una decorazione ma i fiori sono protagonisti sia all’interno che all’esterno.

Sanremo ci sta per stupire con il suo Festival e tutto il mondo guarderà i suoi addobbi floreali. Quest’anno li offriremo anche nei piatti come ci ha insegnato Libereso Guglielmi, noto al pubblico come il “giardiniere di Calvino”, nato a Bordighera, in una famiglia di esperantisti e vegetariani, studioso di botanica e di biodiversità. Ci ha lasciato diversi libri con le sue scoperte e le sue ricette sfiziose.

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    45 minuti
  • Cottura:
    15 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Farina 300 g
  • Uova 3
  • sale pizzico
  • Ricotta di pecora 150 g
  • Parmigiano reggiano 50 g
  • Fiori eduli freschi 50 g
  • fiori eduli essiccati 10 g
  • foglie nasturzio qualche
  • Cavolo viola 300 g
  • Burro 50 g

Preparazione

  1. In una ciotola, unire la ricotta con il parmigiano e i petali dei garofani e delle viole e qualche fiore essiccato. Mescolare con delicatezza.

  2. Impastare la farina e le uova fino ad ottenere un panetto liscio e compatto. Lasciare riposare per 30 minuti. Stendere sottilmente e formare dei ravioli quadrati inserendo l’impasto della ricotta con i fiori

  3. Lessare il cavolo viola, scolarlo e frullarlo in un cutter. Poi saltarlo in padella con il burro. Porre un fondo di crema di cavolo viola su ogni piatto. Cuocere i ravioli in abbondante acqua salata, scolarli e sistemarli sulle fondine. Sistemare su ogni piatto delle foglie di nasturzio, fiori essiccati e petali freschi.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Sangiovese Purosangue a Roma Successivo TBSP arriva il nuovo progetto del Gruppo Galli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.