Quinoa con Galaverna del Mugello, asparagi, fiori ed oro eduli

Leggo spesso dei contest ma pochi stuzzicano la mia fantasia. Curiosando su FB ho letto di Latti da mangiare  indetto dalla storica fattoria Il Palagiaccio e mi è venuta voglia di ideare una ricetta con il Galaverna, un formaggio erborinato a pasta cremificata, tenera e buccia commestibile a “crosta fiorita” bianca di delicata muffa nobile. Semplicemente delizioso, dal gusto fresco e con sapore di latte è un formaggio che non deve essere sovrastato da sapori forti a mio parere. Per essere protagonista di un piatto occorre studiare un equilibrio di profumi e consistenze. Ho pensato di abbinarlo alla pianta sacra degli Inca, la quinoa, i semi di una pianta erbacea annuale della stessa famiglia degli spinaci e della barbabietola, le Chenopodiaceae, sembra un cereale ma non lo è, infatti è priva totalmente di glutine. Per dare un tocco di croccantezza, rimanendo in sud America, ho fritto le patate vitelotte, a pasta viola e per impreziosire il tutto ho usato dei fiori e della polvere d’oro eduli. L’esecuzione non è particolarmente difficile ma è un piatto che riesce a sorprendere per profumo, colore e sapore! Accontenta anche i nostri amici celiaci.

11021191_10204782508096895_593022486262306988_1

Ingredienti

  • quinoa gr 200
  • Galaverna del Mugello gr 180
  • Asparagi un mazzo
  • patate Vitelotte gr 500
  • Fiori eduli, una confezione
  • oro edule in polvere
  • sale
  • olio evo
  • olio di girasole

Preparazione

Sciacquate bene la quinoa, scolatela e poi tostatela un paio di minuti in una padella con un filo di olio evo. Copritela d’acqua e lasciatela cuocere per 5 minuti.

Tostare la quinoa
Tostare la quinoa

 

Pulite gli asparagi e tagliateli a pezzetti di circa un cm quindi uniteli nella quinoa.

984286_10204782501176722_3885160600504816110_n

Continuate a cuocere mantenendo sempre umido ed eventualmente aggiungendo acqua bollente.

10981396_10204782504536806_2499207632548137264_n

La quinoa diventerà semitrasparente, assaggiate per portare a cottura e aggiustate di sale.

Con una mandolina affettate le patate a chips e friggetele in abbondante olio bollente.

11021075_10204782503456779_2072667367586112515_1

Asciugate le patatine con della carta e salatele.

10999985_10204782503976792_952182339173382199_n

Quando la quinoa e gli asparagi saranno pronti, spegnete il fuoco. Tagliate a dadini il Galaverna e unitelo nella padella amalgamando dolcemente.

10997501_10204782500296700_7633370164184684011_n

10917093_10204782502256749_2671423729460555725_n

11002595_10204782505536831_8630991502598943820_n

Per impiattare usate un coppapasta, mettete intorno le patatine fritte e decorate con i fiori e la polvere d’oro.

11019003_10204782507096870_461540268519161352_1

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Precedente Alfajores con dulce de leche (biscotti argentini) Successivo Bomboletti di zia Ermanna (lumachine di mare alla sambenedettese)