Insalata di murici (sconcigli, bocconi… vedete voi)

Il murice è una bella conchiglia da cui i Fenici (e poi molti altri ancora) estraevano la porpora. Da ogni mollusco si può estrarre solo una goccia di colore ed è per questo che nell’Iliade  si legge che solo le principesse potevano indossare veli di porpora.

Oltre a questo, sono veramente buoni! Hanno un sapore intenso ed ottimo e sono facilissimi da fare. Non vi spaventate se li vedete in pescheria ma acquistateli tranquillamente.

Ingredienti

  • Murici 1 kg
  • Aglio 3 spicchi
  • Prezzemolo
  • Limone
  • Olio evo
  • Peperoncino

Preparazione

L’operazione più noiosa è la pulizia delle conchiglie che possono essere anche piuttosto sporche. Vanno spazzolate e sciacquate più volte fino a quando l’acqua non sarà limpida. Mettetele in una pentola capiente con acqua fredda, la buccia di mezzo limone, due spicchi d’aglio e portate a bollore per circa mezz’ora.

La consistenza resterà sempre un po’ callosa ma gustosissima.

Estraete dal guscio i molluschi, privateli dell’opercolo e lasciate nella conchiglia l’intestino. Metteteli in una ciotola e conditeli con un buon olio EVO, – in questo caso ne  ho scelto uno particolarmente pregiato:  l’Olio Extravergine d’Oliva Classico Principe Pignatelli di Monteroduni – un trito di prezzemolo, qualche goccia di limone, uno spicchio d’aglio ed un po’ di peperoncino, se gradito. Sarà un antipasto sfizioso che da dipendenza. Tenete presente che un chilo diventano una manciata, siete liberi di acquistarne dosi maggiori e volendo di condirci un bel piatto di spaghetti saltandoli con l’acqua di cottura della pasta, tipo vongole.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Precedente Nasce Goormee il nuovo blog di Francesco Coccia Successivo Achilli lancia il secondo ristorante romano al D.O.M. hotel