Frittata di topinambur al forno

10978714_10204654448495485_8378085403670451271_n

 

Pensate di non conoscere il topinambur? Molto probabilmente sbagliate. E’ una pianta abbastanza infestante che cresce anche spontaneamente soprattutto al nord e al centro Italia. Sono delle piante erbacee perenni alte anche 2 -3 metri con dei grandi fiori gialli. Li avrete visti quasi sicuramente. Hanno dei tuberi che spesso in tempi passati erano considerati un surrogato delle patate. Il loro sapore è tra il carciofo e la patata, molto sfiziosi. Se tagliati a chips e fritti sono carinissimi da servire per un aperitivo. Tuttavia rientrano erroneamente tra i “tuberi dimenticati” anche se ora si trovano spesso nei mercati rionali e anche nei supermercati. Da un punto di vista nutrizionale Il topinambur ha la proprietà di abbassare il livello di assorbimento da parte dell’intestino degli zuccheri e del colesterolo e ha pochissime calorie, quindi vale la pena inserirlo tra le nostre pietanze quotidiane.

Ingredienti

  • 4 uova
  • Topinambur gr 150
  • Parmigiano grattugiato 2 cucchiai abbondanti
  • Pepe nero
  • Prezzemolo
  • Coriandolo
  • Olio evo

Preparazione

Lavate e tagliate a fette molto sottili il topinambur senza sbucciarli. Metteteli in una padella con un pochino d’acqua e un filo di olio. Portateli a cottura al dente e spolverateli con il coriandolo e il pepe nero macinati.

In una ciotola rompete le uova e sbattetele con il parmigiano e il prezzemolo. Quando il topinambur non sarà più caldissimo, unitelo alle uova. Ungete una teglia rotonda di cm 20, versate il composto ed infornatelo a 150° per circa 20 minuti a forno statico. Buon appetito!!!10959438_10204654370293530_4768671901752713258_n

10260036_10204654373133601_6128264949775526358_n

La pianta di topinambur
La pianta di topinambur
Il tubero di topinambur
Il tubero di topinambur
La radice e il tubero di topinambur
La radice e il tubero di topinambur

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!

Related posts:

Precedente Risate & Risotti 2015 parte da Agerola Successivo Siciliainbocca a cena con la cantina Miceli