Filetto alla Wellington

Questo è un piatto che per i miei figli è sinonimo di festa, soprattutto per Francesco che ne va matto.

Si racconta che questa ricetta fu inventata dagli chef di Arthur Wellesley, insignito del titolo di duca di Wellington dopo la sconfitta di Napoleone a Waterloo. I gusti del duca erano particolarmente difficili e a questo piatto gli fu dato il suo nome per la somiglianza con i suoi stivali, il filetto infatti si presenta come un grosso cilindro dorato.

Ingredienti

filletto alla Wellington
filletto alla Wellington

Farina gr 500

Acqua q.b.

Lievito per impasti salati 1 bustina

sale

sale grosso

un tuorlo

Per il filetto

Filetto di manzo kg 1,5

Funghi champignon gr 800

Prosciutto gr 250

Senape

Olio evo

Preparazione

Alessandro Petrucci quando gli chiedo la carne per questa ricetta, vuole sempre essere avvertito prima e lui mi prepara sempre la carne ad hoc. Andate anche voi dal vostro macellaio preferito e scegliete un bel pezzo di filetto nella parte centrale, spolverizzatelo con un po’ di sale e pepe e massaggiatelo delicatamente. In un tegame largo fate scaldare l’olio e poneteci il filetto facendolo rosolare su tutti i lati per cauterizzarlo ed impedire agli umori di fuoriuscire.

Spennellatelo con la senape e mettetelo da parte.

Tagliate gli champignon e saltateli in una padella larga con un po’ di olio finché non saranno cotti e avranno perso tutta l’acqua quindi salateli. Versateli nel mixer e ottenete una crema.

Stendete sul tavolo la pellicola trasparente, sistemate il prosciutto accostando le fette creando un tappeto. Con un cucchiaio distribuite i funghi sopra al prosciutto. A questo punto sistemate nel centro il filetto e con delicatezza avvolgetelo con il prosciutto e i funghi. Coprite il tutto con la pellicola e fate riposare nel frigorifero per almeno 15/30 minuti.

Ho letto che alcuni usano la pasta sfoglia ma ho imparato a fare questa ricetta con la pasta del pane e ormai i miei ragazzi la preferiscono così. Perciò dispongo la farina a fontana con un pizzico di sale, ½ cucchiaino di zucchero e il lievito, verso l’acqua nel centro fino ad ottenere un impasto elastico che lascio riposare almeno un paio d’ore.

Mentre il filetto si riposa nel frigo e l’impasto lievita…. Posso fare altre cose…

A questo punto stendete l’impasto sul tavolo, togliete il filetto dalla pellicola e adagiatelo nel centro.  Avvolgete  la carne togliendo la pasta in eccesso.  Sistemate in una teglia della carta da forno e poneteci il nostro Wellington. Spennellatelo con un tuorlo d’uovo e spolveratelo con qualche granello di sale grosso. Se vi piace, potete incidere l’impasto con un coltellino facendo attenzione però a non arrivare alla carne.

Infornate per una mezz’ora a 200°, prima di tagliarlo aspettate qualche minuto. Vi consiglio di portarlo a tavola intero perché si presenterà molto bene. Buon appetito!

 

filletto alla Wellington 2

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
Precedente Non si parla con la bocca piena ma si ride con il riso in bocca! Successivo Insalata di polpo con ceci profumata al curry con code di gambero al lime

4 commenti su “Filetto alla Wellington

    • Cristiana Curri il said:

      allora prova a prendere la pasta per la pizza già pronta 😀 secondo me ci sta meglio…ed è meno grassa 😀 Grazie 😉

I commenti sono chiusi.