Alfajores con dulce de leche (biscotti argentini)

11021236_10204757815959607_4316339006745196532_n (1)

Ingredienti

  • farina gr 200
  • maizena gr 300
  • 5 tuorli
  • zucchero a velo gr 150
  • burro gr 200
  • una bustina di lievito
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • vaniglia
  • scorza di limone grattugiato
  • farina di cocco
  • dulce de leche

Preparazione

Questi deliziosi biscotti argentini sono facili da preparare e adattissimi per ogni tipo di occasione. Vengono farciti con il dulce de leche che si trova anche in barattolo ma non è difficile da preparare a casa. Questa ricetta è del mio amico Juan Cataneo di Buenos Aires che gestisce un ristorante a Roma, I Monticiani di Via Panisperna, quindi assolutamente affidabile e da provare! Questi li ha preparati mia figlia Beatrice: il bello della cucina è la condivisione, il convivio e rendere felici i commensali.Operazione riuscita! Brava Bea!

Tenete il burro fuori dal frigo e quando sarà morbido iniziate a lavorarlo finchè non diventa una “pomata” come dice Juan, potete usare un cucchiaio di legno oppure le mani. Poi aggiungere lo zucchero a velo e mescolare energicamente, a questo punto potete profumare con la vaniglia e la scorza di limone. Poco per volta unire i tuorli facendoli incorporare bene con l’impasto fino ad ottenere una crema soffice. In una ciotola a parte setacciate le farine,  il lievito e  il bicarbonato quindi versare un cucchiaio per volta nell’impasto. Lavorare la pasta per qualche minuto fino a che non diventa plastica, deve essere più morbida di una frolla normale. Stendere l’impasto fino a cm 0,5 circa e mettere in frigo per un’ora circa, per aiutarvi potete dividerla. Dopo averla fatta riposare, coppate dei dischetti di cm 4 circa e lasciate riposare ancora in frigo per un’altra mezz’ora. In una leccarda mettete la carta da forno e infornate a 180° per 10 massimo 12 minuti, devono restare chiari.

Farcite i biscotti con il dulce de leche che deve fuori uscire dai bordi, quindi passare i biscotti nella farina di cocco e serviteli. Perfetti con il mate o con il tea. Buon appetito!!!

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Orvieto, luogo del cuore Successivo Quinoa con Galaverna del Mugello, asparagi, fiori ed oro eduli