Graffe senza patate

graffe

 photo Ci stiamo trasferendo_zpsuoccljns.gifAnche a voi capita di mangiare dei cibi che subito vi evocano dei ricordi?
Ecco, le graffe a me (e credo alla maggior parte della popolazione) ricordano la spiaggia.
Di quando da piccola uscivi dall’acqua, ti appoggiavano il telo rosso e blu sulle spalle e ti sedevi sulla sdraio a sgranocchiare una ciambella che allora era di gran lunga più grande della tua faccia.

Quanto ne vorrei una…
Aspettate! Ma possiamo farle!

INGREDIENTI

500 gr Farina 00
250 ml di latte
150 gr di burro
3 cucchiai di zucchero
Mezzo cucchiaino di sale
1 bustina di lievito per dolci (io uso il San Martino)
25 gr di lievito di birra
3 uova

PROCEDIMENTO

Sciogliere il lievito nel latte tiepido.
Mescolare la farina in cui avete mescolato il lievito per dolci con le uova e il burro liquido e aggiungere poco a poco il latte.
Aggiungere lo zucchero e il pizzico di sale ed infine mescolare energicamente tutti gli ingredienti.

Lasciate lievitare per due ore l’impasto in un luogo chiuso e riparato da sbalzi di temperatura.
Formare delle ciambelline con l’impasto lasciando il buco molto largo, in lievitazione tenderà a chiudersi.

Coprirle con un telo e lasciarle lievitare per circa un’ora.
Diventeranno ben gonfie e saranno pronte per essere fritte.

Riscaldate abbondante olio di semi e friggetene poche per volta per non far abbassare la temperatura.

Quando saranno ben dorate, passatele su un foglio di carta assorbente e bagnatele nello zucchero da entrambi e lati.

Le vostre graffe sono pronte per essere azzannate!

 

graffe graffeCONSIGLIO: se volete surgelarle, fatelo prima della seconda lievitazione.

Buon appetito
Cesca

 



The following two tabs change content below.
Chiamatemizia

Chiamatemizia

Ciao! Mi chiamo Francesca, ma voi potete anche chiamarmi Zia. Mi piace cucinare, mangiare ed essere sempre con le mani in pasta. Adoro i rustici, le pizze e la pasta fatta in casa, ma in generale qualsiasi cosa che, quando la mordi, ti fa sentire felice.
Chiamatemizia

Ultimi post di Chiamatemizia (vedi tutti)

Lascia un commento