Ciriello | Fabbrica di cioccolato artigianale

Ciriello

 photo Ci stiamo trasferendo_zpsuoccljns.gifSe c’è una cosa che spesso non tratto, o almeno che quando uso come ingrediente, al 99% qualcosa va storto, è il cioccolato.

Ci vuole maestria nell’utilizzare il cioccolato, bisogna conoscere le temperature, rispettare le fasi e soprattutto condirlo sapientemente.

Nella mia città, Santa Maria Capua Vetere (quella con l’Anfiteatro, il secondo più grande dopo il Colosseo), in provincia di Caserta, proprio sul corso principale, si mimetizza tra i palazzi laterali, una piccola porticina con cancellate scure.
E’ proprio qui che Luigi Ciriello si muove come un alchimista tra pasta di nocciole, fave di cacao e sigari (ma questa è un’altra storia).

Sono solita, quando passeggio lungo Corso Ugo de Carolis, fermarmi in cioccolateria per chiacchierare degli argomenti più disparati.
Di solito si parte parlando del blog, si passa per i viaggi, e si finisce con la situazione economico-socio-politico-gastronomica del nostro paese, dei giovani o solamente mia.
E’ un ambiente accogliente e sembra di entrare in una simpatica boulangerie parigina, grazie ai mobili di legno e ad un lungo bancone con vetrina.

Il tempo sembra fermarsi, non a caso, si entra per un saluto e si esce dopo un’ora, ma contenti e col sorriso, convinti che quel tempo sia stato speso bene.

Oggi durante una mia passeggiata, ho deciso di immortalare questo fantastico scorcio della mia città, questa volta anche nel backstage.

Ciriello

Sulle scatole una foto del nostro fantastico Anfiteatro Campano e della raffigurazione di una tauromachia sulla parete del Mitreo sempre sito in Santa Maria Capua Vetere.
Ciriello Ciriello Ciriello Ciriello Ciriello Ciriello

Solo pasta composta dal 100% di nocciole.
Vi assicuro che il profumo è davvero fantastico!CirielloFave di cacao tritate. Questa è la base di tutto il cioccolato. Da qui, aggiungendo altri ingredienti e aromi, si creano le migliori magie.

CirielloNon potevano mancare gli assaggi (davvero assaggi, giuro! La mia dieta è salva!).
Nella foto, un cioccolatino al basilico. Nella pancia, un gianduiotto fondente e un cioccolatino ripieno al caramello salato. In tempi passati sono stati disponibili anche cioccolatini al tabacco, per i veri amatori del sigaro.

E’ davvero col cuore pieno di gioia che vi lascio questo articolo, sperando di suscitare un minimo di responsabilizzazione nel vostri.
Il cioccolato fa bene, a volte non fa nemmeno ingrassare, ma questo accade se si acquista un prodotto di qualità.
Non mi stancherò mai di dirvi che se ci sono persone che fanno studi e di quest’arte ne hanno fatto un mestiere, vale la pena spendere qualche euro in più e mangiare un prodotto sicuro e frutto delle fatiche di qualcuno.

Nella mia città è già molto conosciuto, ma si può sempre fare di più. Spero che dopo questo mio elogio qualcuno si faccia convincere a fare un regalo diverso dal solito profumo, e regali a qualcuno la vera bontà sammaritana.

[line]

Aggiornamento del 13/3/2016
In occasione della mia laurea (imminentissima ormai), guardate cosa sono stati capaci di preparare!

Ciriello

Cesca



The following two tabs change content below.
Chiamatemizia

Chiamatemizia

Ciao! Mi chiamo Francesca, ma voi potete anche chiamarmi Zia. Mi piace cucinare, mangiare ed essere sempre con le mani in pasta. Adoro i rustici, le pizze e la pasta fatta in casa, ma in generale qualsiasi cosa che, quando la mordi, ti fa sentire felice.
Chiamatemizia

Ultimi post di Chiamatemizia (vedi tutti)

Lascia un commento